Mafia, catturato in Grecia il latitante Calderone Boss barcellonese introvabile da oltre dieci anni

La polizia greca ha arrestato vicino Larissa, in Grecia, il latitante di mafia Mario Giulio Calderone, 63 anni, ai vertici della famiglia mafiosa dei barcellonesi, inserito dal 2016 nell’elenco dei latitanti pericolosi redatto del ministero dell’Interno. Calderone era latitante da oltre dieci anni dopo una condanna definitiva per associazione mafiosa per la sua appartenenza a un clan criminale storicamente collegato a cosa nostra palermitana e catanese e tra i più sanguinari e meglio organizzati militarmente del panorama mafioso della provincia peloritana. 

Le indagini per la cattura sono state sviluppate dal Nucleo Investigativo del comando provinciale di Messina, su delega della procura distrettuale antimafia guidata da Maurizio De Lucia. Al blitz ha contribuito anche l’intelligence che ha consentito di localizzare Calderone in un’abitazione di PyrgosPolydendri Agias, dove la compagna viveva da tempo sotto falso nome. 

L’intervento delle autorità greche è stato richiesto dai carabinieri tramite il servizio per la cooperazione internazionale di polizia. A carico del ricercato era stato emesso un mandato d’arresto europeo dalla Procura Generale di Messina dopo la condanna definitiva a 6 anni, 11 mesi e 19 giorni inflitta a Calderone nel maxiprocesso ai clan messinesi Mare Nostrum. Contro Calderone, tra l’altro, ci sono le dichiarazioni del pentito Giuseppe Gullotti. Concluse le procedure di estradizione, Calderone sarà trasferito in Italia. 


Dalla stessa categoria

Lascia un commento