Ex Perla Jonica, la prima asta per la vendita è andata deserta Tribunale costretto ad abbassare l’offerta minima a 7 milioni

Dai fasti del turismo di lusso, con quel che avrebbe dovuto significare in termini di occupazione ed economia locale, a simbolo dell’abbandono incapace di attirare investimenti. Il flop dell’ex Perla Jonica non fa più notizia, appartiene già al recente passato. Ciò che però c’è di nuovo sono le difficoltà del tribunale di Catania, attuale gestore, di trovare un acquirente. Tra circa un mese si terrà un’asta per la vendita dell’immobile di Capomulini, frazione marinara di Acireale, un tempo di proprietà della famiglia Costanzo e a partire dal 2014 sotto il controllo della Item, società facente capo allo sceicco di Abu Dhabi Al Hamed Hamed Bin Ahmed. L’uomo che, grazie anche a un finanziamento da 24 milioni di euro garantito dal ministero per lo Sviluppo economico, avrebbe dovuto trasformare l’ex albergo in un hotel della catena internazionale Hilton. Una scommessa completamente disattesa e che ha trovato il proprio epilogo nel fallimento della Item, a cui si è arrivati anche a causa di una serie di scelte imprenditoriali quantomeno discutibili.

Quella di luglio rappresenterà il secondo tentativo di vendere l’immobile. Nei mesi scorsi, un primo tentativo è andato deserto e la speranza ora è che le cose possano andare diversamente. Per fare ciò, il tribunale ha abbassato l’offerta minima che si potrà presentare: poco più di sette milioni di euro. Circa un milione in meno rispetto alla prima asta, mentre il valore dei beni immobili è stato quantificato in più di nove. Nel caso le nuove condizioni dovessero suscitare l’interesse di più soggetti – ognuno dei quali sarà tenuto in fase di partecipazione a depositare una cauzione pari al dieci per cento della somma di partenza offerta – partirà un’asta on line dal prezzo più alto e con rilancio minimo di 15mila euro. La sfida sarà anche a tempo: nel caso un partecipante dovesse rilanciare l’offerta negli ultimi sessanta secondi, la sfida si allungherà di un altro minuto, fino a quando non rimarrà soltanto un pretendente. 

La domanda, però, è diversa: a quale cifra oggi l’ex Perla Jonica può essere considerato un investimento che vale la pena affrontare? La risposta non è per nulla semplice, sia per le condizioni in cui versa l’immobile sia per la possibile scelta dei potenziali acquirenti di fare scendere ulteriormente il prezzo prima di farsi avanti. In ogni caso già oggi si parla di somme lontanissime da quelle che erano state riportate nei bilanci di Item: a fine 2019, il complesso alberghiero, che era stato acquistato per circa 26 milioni, veniva valutato dalla società proprietaria più di 65 milioni di euro. Una stima che per i consulenti della sezione Fallimentare del tribunale etneo era parsa inverosimile sin da subito. La conferma era poi arrivata da una perizia commissionata dalla stessa società dello sceicco da cui era emerso che l’ex Perla Jonica in quel momento non valeva più di 12 milioni di euro. A luglio lo si potrebbe comprare a poco più della metà.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]