Emergenza rifiuti, via libera al conferimento in discarica Ci sono oltre mille tonnellate di spazzatura nelle strade

Via libera al conferimento dei rifiuti nella discarica di Lentini. L’apertura dei cancelli, e il ritorno alla piena operatività per il trattamento meccanico-biologico della spazzatura, questa mattina a partire dalle 5. In questo modo gli autocompattatori in fila da due giorni, provenienti da quasi 150 Comuni della Sicilia orientale,  potranno riversare i carichi nell’impianto. Subito dopo i mezzi faranno rientro nei rispettivi territori per avviare la raccolta. Soltanto a Catania sono oltre mille le tonnellate di spazzatura da raccogliere. La situazione potrebbe tornare alla normalità, secondo i tecnici, entro metà della prossima settimana. Nel capoluogo etneo le prime zone interessate dal maxi piano operativo saranno quelle nei quartieri Picanello e Ognina. Questa mattina, invece, le squadre degli operatori ecologici erano attive all’interno della villa Bellini dove si tiene la manifestazione del 2 giugno per la festa della Repubblica. 

Sotto la lente d’ingrandimento tutta l’area in cui dal 29 maggio è scattata la raccolta differenziata porta a porta. Una novità assoluta per i residenti dei quartieri Picanello e Ognina che però ha dovuto fare i conti con incendi di rifiuti e micro discariche sparse a ogni angolo delle strade. Alla diffusa incivilita si aggiunge la cattiva organizzazione con il Comune di Catania che ha predisposto soltanto 4500 kit da distribuire ai cittadini che si recano al centro comunale di raccolta di via Mario Gianni. I mastelli sono andati esauriti in poco tempo e centinaia di residenti sono tornati al proprio domicilio a mani vuote. Bisogna considera anche il cambio d’appalto nel lotto Centro. La palla a partire dal 20 giugno passerà dalla società privata Dusty al consorzio Gema, con sede a Pagani, in provincia di Napoli. 

Rimanendo sul tema immondizia nelle ultime ore, stando a quanto dichiarato dal Movimento 5 stelle, è stato bocciato dalla Commissione europea il piano regionale rifiuti della Sicilia. Ossia lo strumento di programmazione imposto da Bruxelles con cui si dovrebbero programmare strategie e impianti per ottenere sovvenzioni. «In ballo ci sono 35 milioni di euro – dice il deputato all’Ars Giampiero Trizzino – Si tratta dell’ennesima bocciatura al governo di Nello Musumeci». Stando a quanto dichiarato dai pentastellati negli ultimi giorni il governo sarebbe stato informato tramite una nota del ministero della Transizione ecologica spedita al dipartimento regionale rifiuti. Scenario che l’assessora regionale Daniela Baglieri ha provato a minimizzare parlando di fase interlocutoria ed escludendo qualsiasi bocciatura.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]