Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Comune di Chiaramonte Gulfi

Elezioni amministrative 2017

Sezioni scrutinate: 9 di 9


Chiaramonte Gulfi va alle urne e sceglie l’esperienza. Non quella del sindaco uscente, Vito Fornaro, che da questa tornata elettorale viene fuori con una sonora bocciatura al suo operato quinquennale, ma quella di Sebastiano Gurrieri. Sindaco del Comune montano dal 1993 al 2001 e parlamentare all’Ars fino al 2006, ha staccato tutti senza problemi. Sono 1359 i voti per il neo sindaco (il 27,3%), mentre Mario Cutello si ferma a 1221 preferenze (24,5%), seguito da Gaetano Iacono a 1213 (24,4%). Chiudono Fornaro con appena 988 voti (19,8%) e, fanalino di coda, il candidato dei cinquestelle Vittorio Gueli con 186 voti (3,7%).

«È una città che ho profondamente amato e che ho cercato, nei miei diversi ruoli, di cambiare, rendendola più d’attrattiva e facendole acquisire un ruolo di primo piano all’interno della collettività iblea e in ambito regionale - commenta il neo sindaco Gurrieri - e da questa consapevolezza era partita la scelta di tornare a candidarmi assieme ai tanti giovani, alle tante donne e ai tanti uomini impegnati nella società civile confluiti nella squadra Liberiamo la città. Un progetto politico che la città ha capito, compreso e voluto. Abbiamo centrato il risultato, abbiamo vinto le elezioni e adesso per il nostro paese si gira finalmente pagina. Torno a fare il sindaco - prosegue - con grande volontà e con grande senso di responsabilità, consapevole delle difficoltà, anche economiche, in cui versa la città. E di questi problemi inizieremo ad occuparcene prima possibile. Torno al Comune da sindaco e dunque mi svesto del ruolo di politico. Il rispetto per le opposizioni sarà totale, così come sarà totale l’abnegazione. Nessuno si illuda che ad amministrare il paese c’è qualcuno che ha bisogno necessariamente di avere un ristoro politico determinato fuori dal luogo istituzionale del Comune». 

Quindi qualche parola sui primi obiettivi: «Sicuramente c’è una priorità assoluta, quella di rivedere il piano regolatore generale per riqualificare il centro storico e contemporaneamente pensare all’ampliamento della zona artigianale con la nascita di nuovi opifici. E poi c’è il nostro bosco, la nostra pineta che è e deve essere una risorsa per la nostra città. Ogni anno in estate ci sono molti incendi e il bosco si è salvato per puro miracolo, grazie anche all’abnegazione degli operai dell’antincendio che si sono prodigati per gli interventi e che hanno dovuto supplire alla mancanza di programmazione e di adeguata prevenzione. Infine - conclude Gurrieri - punteremo sul binomio imprescindibile tra turismo di qualità e agricoltura d’eccellenza con la valorizzazione, già annunciata in campagna elettorale, dell’olio d’oliva Dop Monti Iblei, dell’uva da tavola Igp di Mazzarrone e dei prodotti biologici».



Sezioni scrutinate: 9 di 9

Candidato Voti Percentuale
Gurrieri Sebastiano 1.359 27.4%
Lista Voti Percentuale
Liberiamo La Citta' 1.216 25.6%
Candidato Voti Percentuale
Cutello Mario 1.221 24.6%
Lista Voti Percentuale
Mario Cutello Sindaco Mariounodinoi 1.257 26.5%
Candidato Voti Percentuale
Iacono Gaetano 1.213 24.4%
Lista Voti Percentuale
Gaetano Iacono Sindaco 1.187 25.0%
Candidato Voti Percentuale
Fornaro Vito 988 19.9%
Lista Voti Percentuale
Valore Chiaramonte Per Continuare A Crescere 909 19.2%
Candidato Voti Percentuale
Gueli Vittorio 186 3.7%
Lista Voti Percentuale
Movimento 5 Stelle 176 3.7%

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews