Cara, ancora sconosciuti i motivi del suicidio Il direttore: «Per gli Eritrei asilo più facile»

«Quando un giovane si toglie la vita è una tragedia per tutti, per noi è ancora più grande perché siamo qui per dare a chi arriva la speranza di un nuovo inizio». Così Sebastiano Maccarrone, direttore del centro di accoglienza per richiedenti asilo di Mineo, commenta a freddo la tragedia avvenuta sabato nella struttura, quando un ventenne eritreo è stato ritrovato impiccato con una tenda nel suo alloggio. A poche ore dal fatto il direttore si diceva sconvolto, tanto più perché «il ragazzo non risulta essere tra quelli che hanno dimostrato il bisogno di essere seguiti da uno psicologo». E, a due giorni di distanza, gli interrogativi sulla morte del giovane restano ancora aperti. Mentre commenti arrivano dalla politica, con un comunicato di Sel Catania, e dalla società civile, con una nota dell’associazione Arci che da anni si occupa di immigrazione in città.

«Noi monitoriamo tutti i soggetti deboli la cui fragilità psicologica può comportare un rischio. E lui non era tra questi – ribadisce Maccarrone – Tra l’altro gli eritrei non hanno difficoltà ad ottenere lo status di rifugiato, si tratta solo di aspettare». Il ragazzo era arrivato al Cara di Mineo a maggio. Sette mesi di attesa, fino alla scelta di togliersi la vita, nella media delle lunghe permanenze nel centro che arrivano anche a oltre un anno. Attesa che si unisce all’isolamento della struttura, distante dai centri abitati, tra le criticità spesso denunciate dalla rete antirazzista catanese e da altre associazioni.

Ma, a due giorni dalla tragedia, il direttore respinge al mittente le accuse: «Al Cara di Mineo ci sforziamo di creare le condizioni per una vita serena e le premesse per un inserimento nel territorio. Per questo motivo moltiplichiamo le iniziative che vedono gli ospiti interagire con la comunità, proprio per evitare quella ghettizzazione che da più parti viene additata come caratteristica strutturale dei centri di accoglienza e che noi siamo riusciti ad evitare – spiega – Questa tragedia ci impone di continuare con maggiore convinzione su questa strada ed aumentare i nostri sforzi in direzione di una accoglienza che sia scambio continuo tra le culture presenti al centro e la nostra». Iniziative come la società calcistica nata all’interno del Cara e presente nel campionato Fgic di Terza categoria, che ieri ha giocato a Caltagirone a porte chiuse e con il lutto al braccio.

Tante idee, ma che non bastano, secondo l’Arci etnea che definisce in una nota il suicidio del ragazzo una «morte significativa, perché rappresentativa della morte della speranza». Non è facile, continua l’associazione, comprendere le ragioni e le emozioni di una persona in fuga dal proprio Paese, «soprattutto quando la sua vita è contenuta e confinata da leggi, regolamenti e non-luoghi di trattenimento come il mega-Cara di Mineo che dovrebbero definire il percorso burocratico di accesso alla salvezza dei migranti». Fuori dalla polemica sull’opportunità dell’esistenza del Cara, quello che l’Arci nota all’indomani della tragedia è il «silenzio di una politica che tende ad interessarsi ai problemi dell’immigrazione e dell’accoglienza solo quando c’è possibilità di speculazione clientelare».

Unica voce a farsi sentire è quella di Sel che ricorda come già in passato lo stesso partito abbia presentato diverse interrogazioni parlamentari per denunciare le «contraddizioni ed inadeguatezze» di una «struttura che ad oggi ospita 4050 persone e che come facile immaginare non può garantire né basi di integrazione né di accoglienza». Una problematica da affrontare non più in emergenza, si legge nella nota a firma di Francesco Alparone, coordinatore provinciale Sel Catania, ma in modo strutturato «e che necessita di risposte immediate».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

A due giorni dalla tragedia avvenuta al centro di accoglienza per richiedenti asilo di Mineo, dove un ventenne eritreo si è tolto la vita sabato, arrivano le prime reazioni. Il responsabile Sebastiano Maccarrone ricorda: «Ci sforziamo di creare le condizioni per una vita serena e le premesse per un inserimento nel territorio. Per questo motivo moltiplichiamo le iniziative che vedono gli ospiti interagire con la comunità». Idee che non bastano, secondo Arci e Sel, critiche nei confronti della struttura e dei lunghi tempi per il rilascio dei documenti

A due giorni dalla tragedia avvenuta al centro di accoglienza per richiedenti asilo di Mineo, dove un ventenne eritreo si è tolto la vita sabato, arrivano le prime reazioni. Il responsabile Sebastiano Maccarrone ricorda: «Ci sforziamo di creare le condizioni per una vita serena e le premesse per un inserimento nel territorio. Per questo motivo moltiplichiamo le iniziative che vedono gli ospiti interagire con la comunità». Idee che non bastano, secondo Arci e Sel, critiche nei confronti della struttura e dei lunghi tempi per il rilascio dei documenti

A due giorni dalla tragedia avvenuta al centro di accoglienza per richiedenti asilo di Mineo, dove un ventenne eritreo si è tolto la vita sabato, arrivano le prime reazioni. Il responsabile Sebastiano Maccarrone ricorda: «Ci sforziamo di creare le condizioni per una vita serena e le premesse per un inserimento nel territorio. Per questo motivo moltiplichiamo le iniziative che vedono gli ospiti interagire con la comunità». Idee che non bastano, secondo Arci e Sel, critiche nei confronti della struttura e dei lunghi tempi per il rilascio dei documenti

A due giorni dalla tragedia avvenuta al centro di accoglienza per richiedenti asilo di Mineo, dove un ventenne eritreo si è tolto la vita sabato, arrivano le prime reazioni. Il responsabile Sebastiano Maccarrone ricorda: «Ci sforziamo di creare le condizioni per una vita serena e le premesse per un inserimento nel territorio. Per questo motivo moltiplichiamo le iniziative che vedono gli ospiti interagire con la comunità». Idee che non bastano, secondo Arci e Sel, critiche nei confronti della struttura e dei lunghi tempi per il rilascio dei documenti

A due giorni dalla tragedia avvenuta al centro di accoglienza per richiedenti asilo di Mineo, dove un ventenne eritreo si è tolto la vita sabato, arrivano le prime reazioni. Il responsabile Sebastiano Maccarrone ricorda: «Ci sforziamo di creare le condizioni per una vita serena e le premesse per un inserimento nel territorio. Per questo motivo moltiplichiamo le iniziative che vedono gli ospiti interagire con la comunità». Idee che non bastano, secondo Arci e Sel, critiche nei confronti della struttura e dei lunghi tempi per il rilascio dei documenti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]