Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caltanissetta: 23enne morì in ospedale, medici indagati
Riaperte le indagini per chiarire le cause del decesso

Sono una ventina gli operatori sanitari accusati di omicidio colposo per la vicenda del giovane deceduto nel gennaio del 2020 dopo tre mesi di ricovero. Dopo la richiesta di archiviazione da parte della procura e l'opposizione dei familiari, si ricomincia da capo

Redazione

Foto di: radiocl1

Foto di: radiocl1

Una ventina di medici dell'ospedale di Caltanissetta sono indagini per omicidio colposo. La vicenda riguarda la morte di un ragazzo di 23 anni deceduto dopo un ricovero di tre mesi nel nosocomio nel gennaio del 2020. La giudice per le indagini preliminari Graziella Luparello ha stabilito la riapertura delle indagini. Sul caso era arrivata la richiesta di archiviazione da parte della procura a cui si erano opposti i familiari della vittima. 

La gip ha accolto l'opposizione e disposto che il pubblico ministero Stefano Strino proceda a una nuova perizia, questa volta collegiale, con la nomina di un nuovo medico legale affiancato da un infettivologo e da un neurochirurgo, iscrivendo nel registro altri eventuali responsabili dell'Asp di Caltanissetta. La precedente perizia del consulente del pm, pur confermando che il giovane avesse la meningite e rilevando delle infezioni contratte proprio dentro l'ospedale, durante il ricovero, ha tuttavia concluso che i medici avrebbero agito correttamente, non chiarendo le cause della morte del giovane

Il ragazzo era stato ricoverato nell'ospedale di Caltanissetta il 30 ottobre del 2019 con la diagnosi di idrocefalo acuto e sospetta meningoencefalite e poi sottoposto a diversi esami e a numerosi interventi chirurgici. I medici, che non avrebbero escluso l'iniziale sospetto di meningite, non riuscirono però a individuare la patologia, che sarebbe stata focalizzata alla base dell'idrocefalo. Le condizioni del giovane si aggravavano progressivamente fino alla morte a fine di gennaio del 2020. A questo punto era scattata la denuncia dei genitori alla procura. Adesso la decisione della gip, a distanza di oltre due anni, è che le indagini dovranno ripartire dall'inizio per provare a capire il motivo della morte del ragazzo e individuare eventuali responsabilità del personale ospedaliero o dei vertici aziendali. Per l'espletamento delle nuove indagini, la giudice ha concesso tre mesi di tempo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×