Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Trapani, confermata la condanna per Sergio Librizzi
Il sacerdote accusato di abusi sessuali ai migranti

Torna in carcere colui che era stato considerato dall'accusa il numero uno della Caritas diocesana. Secondo quanto ricostruito, il sacerdote avrebbe chiesto favori sessuali in cambio del riconoscimento dello status di rifugiato

Redazione

Foto di: kollynlund

Foto di: kollynlund

Sesso in cambio dello status di rifugiato. Era stata questa l'accusa mossa nei confronti di colui che è stato indicato come il numero uno della Caritas diocesana di Trapani, Sergio Librizzi. Il sacerdote è tornato in carcere. La Corte di Cassazione ha infatti confermato la sentenza di condanna a sei anni inflitta dalla Corte di Appello. Librizzi era stato arrestato con l'accusa di violenza sessuale e corruzione. In qualità di componente della Commissione per il riconoscimento dello status di richiedente asilo era accusato di avere ottenuto prestazioni sessuali dai migranti in cambio di favori nella pratica per il permesso di soggiorno. Arrestato nel giugno del 2014, condannato in primo grado a nove anni, la pena era stata confermata dalla Corte di Appello di Palermo.

La Cassazione aveva però annullato la sentenza con rinvio, dopo che, nel secondo processo di appello, era stato condannato a sei anni due mesi e 20 giorni, modificando il reato in induzione alla corruzione. Il prete ha già scontato quattro anni, dovrà scontare il residuo della pena nel carcere di Termini Imerese. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×