Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Campobello Mazara, tre giovani condannati per stupro di gruppo
Vittima 18enne: «Ho urlato e mi sono ribellata. Loro compiaciuti»

Alla fine del processo, che si è svolto con il rito abbreviato, un quarto giovane è stato assolto. Tutti e quattro erano stati arrestati con l'accusa di violenza sessuale ad aprile del 2021 dopo la denuncia fatta dalla ragazza ai carabinieri

Redazione

Foto di: ingenere

Foto di: ingenere

Sono stati condannati dal tribunale di Marsala tre dei quattro giovani di Campobello di Mazara accusati di avere stuprato una ragazza appena maggiorenne. Il processo si è svolto con il rito abbreviato e la giudice per l'udienza preliminare Annalisa Amato ha condannato i cugini Eros e Francesco Biondo (di 23 e 24 anni) a sei anni di reclusione e il 20enne di Campobello di Mazara Giuseppe Titone a cinque anni e mezzo. Assolto invece il 21enne Dario Caltagirone

Dopo oltre un anno di indagini, tutti e quattro erano stati arrestati con l'accusa di violenza sessuale di gruppo ad aprile del 2021 su disposizione del giudice per le indagini preliminari che aveva sostenuto potesse esserci il pericolo di inquinamento delle prove e «l'alta probabilità di reiterazione del reato per la pericolosità sociale e la personalità» dei ragazzi coinvolti. Tutto è iniziato dopo la denuncia fatta dalla vittima che aveva raccontato ai carabinieri di essere stata attratta con l'inganno ad andare in una casa nella frazione di Tre Fontane di Campobello di Mazara (in provincia di Trapani) dove i giovani le avrebbero detto di avere organizzato una festa a cui avrebbero partecipato anche altri coetanei. Una volta lì, invece, la 18enne si sarebbe ritrovata solo con loro. 

Al termine di un rapporto consensuale con uno di loro avvenuto al piano superiore dell'abitazione, sarebbe stata abusata da un altro ragazzo con la scena filmata per essere poi pubblicata sui social. La vittima ha raccontato di avere iniziato a urlare, di essersi ribellata, ma sarebbe stata abusata con violenza tanto da procurarle lividi e contusioni in tutto il corpo. Secondo il racconto fatto ai militari in sede di denuncia, mentre lei li implorava di fermarsi i quattro ridevano «compiaciuti di quello che mi stavano facendo»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×