Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Dalla Nigeria in Sicilia coltivando il sogno da stilista
La storia di Deborah e del suo Paceco African Fashion

Arrivata in Italia circa due anni fa, la donna ospite in una centro di accoglienza del Trapanese ha realizzato degli abiti finiti in un calendario. «Siamo contenti per aver raggiunto l'obiettivo dell'integrazione», afferma l'operatrice. Guarda le foto

Carmelo Lombardo

«Abbiamo portato avanti un percorso di integrazione e di inclusione, coltivando le passioni di chi deve essere accolto. Per questo siamo contenti: purtroppo non sempre ogni migrante ha questa possibilità». Per Lorena Tortorici è difficile nascondere la felicità. Da pochi giorni, insieme alla sua equipe che operano all'interno del centro accoglienza di Paceco, in provincia di Trapani, gestito dalla cooperativa Badia Grande, ha reso possibile il sogno di Deborah, nigeriana arrivata in Italia circa due anni fa con la speranza di una vita migliore. La donna, dopo aver realizzato la sua linea di abiti, è stata assunta da una sartoria catanese. Tortorici, assistente sociale all'interno della cooperativa, illustra a MeridioNews il percorso che ha consentito a Deborah di mettersi in gioco e dare vita alle sue creazioni sartoriali. Ma non solo: gli abiti cuciti da Deborah, infatti, sono stati indossati durante una sfilata da altre otto donne beneficiarie del centro accoglienza e gli scatti sono finiti in un calendario. «L'idea è nata all'interno di un progetto multidisciplinare - afferma Lorena Tortorici - dedicato alle donne straniere adulte della provincia di Trapani. Tra le altre, Deborah nelle attività di gruppo ha dimostrato di avere una spiccata propensione verso l'arte del cucito».

Una volta presi tessuti, aghi e fili, Deborah concilia il suo modo di cucire con la sua cultura, dando vita a una variopinta collezione etnica, colorata e fresca, tanto da coinvolgere le altre donne del progetto. «Col tempo abbiamo assecondato questo entusiasmo del gruppo allestendo una sartoria vera e propria all'interno dei locali del nostro centro con manichini, tavoli per i cartamodelli e macchine da cucire - continua Tortorici - Tutte le beneficiarie del centro hanno collaborato alla creazione degli abiti e, prima ancora, nella progettazione. La collezione richiama la cultura africana». 

A collaborare insieme a Deborah sono state le altre ospiti provenienti, oltre che dalla Nigeria, anche da Paesi come la Guinea, il Marocco e la Costa d'Avorio. Una volta realizzata, la collezione di abiti è uscita fuori dai locali della cooperativa, attirando le attenzioni e la collaborazione delle associazioni del Trapanese e l'interesse di alcuni studenti. «Il progetto, chiamato Paceco African Fashion, ha avuto una seconda fase - spiega l'operatrice - Grazie alle associazioni del territorio e all'Istituto Tecnologico Amico di Trapani c'è stata la possibilità di allestire una sfilata, con gli abiti indossati dalle altre donne del centro, che sono diventate modelle per un giorno». 

Gli scatti fotografici e il calendario sono stati esposti in una mostra allestita nel salone Pio XI, vicino alla chiesa Matrice di Paceco. Tante iniziative che hanno permesso a Deborah di essere stata assunta in una sartoria catanese - che vuole restare anonima - e che non fanno perdere la speranza per una vera integrazione dei migranti giunti in Italia. «Ci occupiamo delle nostre beneficiarie, straniere adulte, a 360 gradi, offrendo loro servizi basilari e aggiuntivi per l'integrazione - conclude Tortorici - Crediamo che ciò che abbiamo raggiunto col progetto Paceco African Fashion sia una testimonianza vera e propria di integrazione e inclusione: fondamentale in questo senso è la mediazione linguistico-culturale, è il punto di partenza».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×