Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, confisca da 7 milioni di euro a imprenditore
L'uomo è considerato vicino agli ambienti mafiosi

Attivo nel campo della macellazione e commercializzazione di pellame, è ritenuto socialmente pericoloso per le vicende giudiziarie in cui è stato coinvolto per questioni legate a truffa e usura. La Dia ha eseguito il provvedimento della Corte d'Appello

Redazione

La Dia di Messina ha eseguito un decreto di confisca di beni emesso dalla Corte di Appello peloritana di circa 7 milioni di euro, riconducibile a un imprenditore dei Nebrodi attivo nel settore della macellazione e commercializzazione di pellame. L'uomo è stato ritenuto socialmente pericoloso a seguito di vicende giudiziarie per truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, abusivismo finanziario e usura. Proprio per le vicende legate all'usura, l'uomo è stato condannato con sentenza divenuta irrevocabile nel 2009.

Inoltre, da quanto si apprende dalle vicende giudiziarie, l'imprenditore, è anche considerato vicino ad ambienti mafiosi dei clan nebroidei e tortoriciani. La misura eseguita oggi è un provvedimento di secondo grado dopo il sequestro emesso già dal tribunale di Messina nel 2020. Nel complesso sono stati confiscate il 50 per cento della quota di una società, la quota del 20 per cento del Fondo Consortile di un Consorzio; 17 unità immobiliari (fabbricati e terreni); 20 mezzi personali ed aziendali e vari rapporti finanziari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×