Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Studenti e alternanza scuola-lavoro nell'esercito
Firmato protocollo: «Non li manderemo in guerra»

L'accordo durerà tre anni e sarà promosso nelle scuole secondarie. I percorsi formativi sono rivolti agli studenti delle terze, quarte e quinte classi. Si va dal lavoro di fabbro, alla gestione delle cucine. Il commento del presidente dell'Associazione presidi Sicilia

Simone Olivelli

Fare l'alternanza scuola-lavoro all'interno dell'esercito italiano. È la proposta che verrà fatta agli studenti delle scuole siciliane e che di certo darà vita a polemiche. A firmare il protocollo, una settimana fa, è stato l'Ufficio scolastico regionale per la Sicilia e il comando militare dell'esercito nell'isola. Le due parti hanno concordato la promozione di «percorsi per le competenze trasversali e per l'orientamento» presso enti, distaccamenti, reparti e comandi delle forze armate. 

L'offerta, come scritto dall'agenzia Stampalibera, è rivolta agli studenti delle terze, quarte e quinte classi degli istituti superiori. «Il comando militare dell'esercito in Sicilia - si legge nel documento firmato dalla dirigente Laura Bergonzi dell'Ufficio scolastico regionale - intende confermare e ampliare le consolidate sinergie le istituzioni scolastiche per contribuire con proprie risorse, esperienze, conoscenze scientifiche, tecnologiche e gestionali, al miglioramento della formazione tecnico-professionale, tecnologica e operativa delle studentesse e degli studenti delle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado». 

Il protocollo avrà una durata di tre anni, nei quali le due parti si impegneranno reciprocamente a collaborare. L'esercito assicura di coinvolgere tutte le proprie unità nelle vesti di soggetti ospitanti e di promuovere forme di collaborazione tanto con gli allievi quanto con i loro docenti. Dal canto suo, l'Ufficio scolastico regionale promuoverà l'offerta militare in tutte le scuole dell'isola. 

E intanto sono stati pubblicati i singoli percorsi formativi. A Catania, il 62esimo reggimento Fanteria offre esperienze su riparazioni apparati telecomunicazioni e veicoli, gestione magazzini e depositi, manutenzione del verde e gestione del servizio cucina e della distribuzione del vitto. A Palermo al 46esimo reggimento Trasmissioni sarà possibile fare pratica nel cablaggio delle reti locali e nella gestione delle stesse. Corsi di lavorazioni meccaniche, officina, falegnameria, fabbro e verniciatura alla Sezione rifornimenti di Palermo. Al Cme di Palermo, per una dozzina di allievi sarà possibile occuparsi anche della biblioteca.

«Il protocollo darà delle opportunità che poi starà ai singoli istituti decidere se sfruttare o meno - commenta a MeridioNews Maurizio Franzò, presidente dell'Associazione presidi Sicilia -. Fare esperienza dentro una struttura militare per svolgere mansioni, come la riparazione dei veicoli o la gestione delle cucine, credo sia un'opportunità come un'altra di allenare le competenze acquisite a scuola. Con questo protocollo non si manderanno di certo gli studenti a fare la guerra». Franzò estende lo sguardo alle difficoltà del sistema dell'alternanza scuola-lavoro in Sicilia. «Le realtà imprenditoriali capaci di accogliere adeguatamente i nostri studenti sono poche, soprattutto lontano dalle grandi città. Questo - conclude - è il principale problema nell'organizzazione dei percorsi».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×