Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Resta in carcere la donna che ha ucciso la madre
Legale: «Aveva pure dovuto rinunciare a lavorare»

Durante l'udienza di convalida del fermo davanti al giudice per le indagini preliminari, «ha ribadito la confessione e garantito che riferirà ulteriori dettagli appena sarà più lucida», spiega a MeridioNews l'avvocato Carmelo Lombardo che la assiste

Marta Silvestre

Foto di: Ichigo121212

Foto di: Ichigo121212

Resta in carcere Maria Gozza, la 47enne di Aidone (in provincia di Enna) che ha confessato di avere ucciso la madre Vittoria Malaponti (di 69 anni) all'interno dell'abitazione nel quartiere San Giacomo in cui, dopo la morte del marito della vittima e padre della 47enne figlia unica, per oltre vent'anni hanno vissuto tutte e due da sole. La decisione è stata presa dal giudice per le indagini preliminari, su richiesta della procura, durante l'udienza di convalida del fermo di oggi. 

«Oggi non ho potuto incontrare la mia assistita - racconta a MeridioNews l'avvocato Carmelo Lombardo - perché, come previsto dai protocolli anti-Covid, è sottoposta a un isolamento di dieci giorni. Ma so che in cella è controllata 24 ore su 24 per scongiurare il rischio di gesti di autolesionismo. Oggi - aggiunge il legale - davanti al gip ha ribadito la confessione già fatta e ha garantito che fornirà ulteriori dettagli su quanto accaduto non appena sarà più lucida». Dopo avere provato a fare passare il delitto per un suicidio, la donna ha raccontato di recenti contrasti legati alla sua volontà di ricoverare in una casa di riposo la madre, affetta da una grave forma di obesità e anche malata di Alzheimer. «Ha ammesso - dice il legale - che da sola non era più in grado di prendersi cura della congiunta che pretendeva di averla accanto giorno e notte e addirittura anche che dormisse con lei. Pure la proposta di farsi aiutare da una badante era stata rifiutata dalla madre». Quello che Gozza non è stata ancora in grado di ricostruire sono le fasi immediatamente precedenti al delitto che sarebbe avvenuto nel cuore della notte. 

Volontaria negli ospedali di Enna e Piazza Armerina nella attività di clown terapia, la donna è una massaggiatrice di professione. Per un periodo, ha prestato i suoi servizi non solo a domicilio (soprattutto per la riabilitazione delle persone anziane, visto che ha pure un titolo di operatrice socio-sanitaria) ma anche in un albergo della zona. «Con l'arrivo della pandemia e del lockdown però - spiega l'avvocato Lombardo - il lavoro è stato prima stoppato per le restrizioni dovute al Covid e poi è andato comunque scemando. Di recente, so che aveva dovuto rinunciare a una proposta lavorativa proprio per accudire la madre». Nell'ultimo periodo, entrambe vivevano con la pensione della 69enne. Intanto, per venerdì è prevista l'autopsia sul corpo della vittima che i carabinieri, dopo la chiamata dell'indagata, hanno trovato nel bagno di casa in una pozza di sangue con il cranio fracassato e accanto un coltello e un batticarne.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×