Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La Sicilia è ancora nella morsa del maltempo
Danni nelle zone centrali e occidentali dell'Isola

La Protezione civile ha emanato un nuovo bollettino per il rischio idrogeologico che interessa varie zone. In questo momento a preoccupare maggiormente sono l'Agrigentino, il Trapanese e il Palermitan

Redazione

Rischio idrogeologico e idraulico per la Sicilia dalle 16 di oggi fino alle ore 24 di domani 11 novembre. Questo l'ultimo bollettino da parte del dipartimento regionale di Protezione civile che per le prossime ore ha diramato l'allerta di colore arancione, livello di preallarme, per quanto riguarda le zone di Agrigento, Trapani, Palermo, Siracusa e Ragusa. Allerta di colore gialle, e invito a fare attenzione, per tutte le altre zone dell'Isola. Una situazione di rischio, per cui la Protezione civile invita i Comuni a fare attenzione a causa delle ondate di maltempo che si continuano ad abbattere sulla regione. Scenari preoccupanti si sono verificati a Palermo, Trapani e Agrigento. La Protezione civile fa sapere che ci sono diversi allegramenti nella zona della statale Palermo-Sciacca soprattutto tra Partinico, San Cipirello e San Giuseppe Jato. Nel Trapanese si sono verificati allagamenti a Castelvetrano e Calatafimi e a Salemi domani le scuole rimarranno chiuse. Il torrente San Bartolomeo è straripato. Come sottolinea il sindaco di Castellamare del Golfo Nicolò Rizzo, «l'esondazione è ancora in corso, ma al momento ha colpito solo alcuni terreni». L'allerta resta massima anche per domani. «Ci saranno ancora temporali, rovesci di forte intensità, forti raffiche di vento e frequente attività elettrica - conclude il primo cittadino - si raccomanda massima attenzione e prudenza negli spostamenti». Allagamenti importanti si sono verificati anche nella zona della strada statale Palermo-Sciacca, in particolare tra Partinico, San Cipirello e San Giuseppe Jato. Gli interventi vanno avanti da ieri. Nel frattempo è stato chiuso il tratto tra gli svincoli di SalemiAlcamo Ovest.

Rischio esondazione a San Giovanni Gemini, nell'Agrigentino, in prossimità di due aziende zootecniche. Allagamenti anche a Menfi al Lido Fiori. Il personale del Libero consorzio comunale di Agrigento sta intervenendo sulla rete viaria, messa a dura prova dall'ondata di maltempo che da giorni, e in particolare nella giornata di ieri, ha interessato tutta la provincia. Situazione difficile in particolare sulla strada provinciale 19-B San Biagio Platani-Alessandria della Rocca, dove su buona parte del tracciato è stata collocata la segnaletica di pericolo a causa dei detriti che hanno invaso alcuni tratti di carreggiata. Uno smottamento di fango ha invece interessato un tratto della strada provinciale 42 Menfi-Partanna, e anche in questo caso sono intervenuti i mezzi del Libero Consorzio per ripristinare il transito. Situazioni di pericolo con richieste di intervento si sono verificate anche nelle strade provinciali 31 Cattolica Eraclea-Cianciana e 32 Ribera-Cianciana, dove, oltre ai cantonieri, sono intervenuti operai e mezzi dell'impresa che gestisce la manutenzione ordinaria per sgomberare alcuni tratti completamente invasi da fango e acqua e consentire il transito a senso unico alternato dei veicoli. Situazione difficile anche su buona parte del comparto ovest e nel comprensorio di Canicattì, sempre nell'Agrigentino, in particolare per i danni provocati da una tromba d'aria.

Qui sono in corso sopralluoghi per verificare i danni causati dalla bomba d'acqua che ieri ha colpito la città e quelli dovuti al passaggio di un tornado in contrada Ponte Fazio. Il sindaco di Canicattì Vincenzo Corbo e il responsabile della Protezione civile comunale, Salvatore Bertolino, stanno cercando di quantizzare l'entità delle criticità. Diverse le segnalazioni giunte da parte dei Dirigenti scolastici per infiltrazioni di acqua nei vari istituti. La pioggia, inoltre, ha causato danni alle condutture fognarie e al manto stradale di numerose arterie cittadine ed extraurbane. Disagi nel Palermitano dove piove ininterrottamente da 48 ore. Allagamenti si registrano in diverse strade provinciali e resta sospesa la circolazione ferroviaria sulla linea Palermo - Agrigento-Catania, tra Montemaggiore e Roccapalumba per l'allagamento della sede ferroviaria e i danni provocati dalle abbondanti precipitazioni che continuano ad interessare tutta l'area. Al Liceo classico Vittorio Emanuele II di Palermo ha ceduto parte del controsoffitto a causa delle infiltrazioni d'acqua. Gli studenti per protesta hanno deciso di non entrare in classe.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×