Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'Antimafia presenta l'inchiesta sulla sanità siciliana
Fava: «Politica non ha mai rinunciato a interferenze»

La commissione parlamentare dell'Ars ha ripercorso i passi delle tante vicende che hanno gettato ombre sul rapporto tra palazzi del potere, uffici e strutture pubbliche e private disegnando un quadro preoccupante

Gabriele Ruggieri

Foto di: Gabriele Ruggieri

Foto di: Gabriele Ruggieri

«La politica con una grande trasversalità non ha mai voluto rinunciare a interferenze che vanno al di là dell'indirizzo previsto dal suo ruolo». Una frase che sintetizza i risultati raggiunti dalla commissione parlamentare Antimafia dell'Assemblea regionale Siciliana, che ha presentato oggi la relazione sull'Inchiesta sulla sanità siciliana e approvata all'unanimità dall'aula. Un'indagine in cui la commissione presieduta da Claudio Fava ha passato in rassegna gli eventi più incresciosi che hanno costellato la sanità isolana negli ultimi 20 anni, dall'inchiesta Sorella Sanità alle vicende che hanno coinvolto l'ex presidente della Regione Rosario Crocetta fino al collasso della centrale unica di committenza. 

«Non è tanto la somma delle singole responsabilità personali - dice Fava - ma l'idea di un sistema e di un modo molto privato di gestire la Sanità», una gestione definita «dilettantesca», a partire dal «modo distratto con cui è stata gestita la spesa. Non siamo di fronte agli eccessi del dottore Matteo Tutino - ex primario dell'ospedale Villa Sofia -  che chiama la digos per chiedere conto e ragione per la sua mancata promozione, ma a una di capacità di intervento e prevenzione di certe interferenze che non va oltre all'affidarsi alle evidenze dell'autorità giudiziaria, quando ci sono».

Un binomio, quello di politica e sanità, che troppo spesso ha finito per fondersi in nome di interessi personali, come quando a farne le spese fu l'allora assessora alla Salute Lucia Borsellino. «Il suo nome è stato usato in questi anni in modo ignobile - continua il presidente della commissione - C'era un plotoncino di affabulatori attorno all'assessora che hanno portato la sanità dove volevano. Tutta storia scritta e tutto triste. Un sistema che attorno a personaggi clowneschi come Samperi e Tutino ha segnato una stagione di grande potere approfittando di un cognome che significa tanto per la Sicilia». 

L'ultima parte è dedicata alle recenti vicende legate alla gestione dell'emergenza Covid, definita come costellata da «fraintendimenti» e quello che sarà il destino del personale medico e infermieristico assoldato durante il periodo della pandemia. «Occorre sbloccare le procedure concorsuali - conclude Fava - perché se l'emergenza è l'unica forma di reclutamento allora c'è un problema. La sensazione è che se non ci saranno procedure di emergenza pubblica, comunque la sanità siciliana ne uscirà ferita».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×