Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vittoria, violenta aggressione al Pronto soccorso Guzzardi
«Picchiati per più di venti minuti. Difficile lavorare così»

Ad avere la peggio è stato un operatore ausiliario che, insieme a due infermieri, prestava aiuto a una donna. «C'è già poco personale, non possiamo anche avere paura di chi dobbiamo assistere», afferma il direttore dell'Asp Aliquò a MeridioNews

Carmelo Lombardo

«Sono molto arrabbiato, non si può lavorare in queste condizioni. Tre nostri operatori sono stati picchiati anche con aste e sedie per più di 20 minuti. Qualcosa di selvaggio». Non usa mezzi termini Angelo Aliquò, direttore generale dell'Azienda sanitaria provinciale di Ragusa che a MeridioNews commenta l'aggressione che si è verificata ieri al Pronto soccorso dell'ospedale Guzzardi, a Vittoria. Tutto è iniziato intorno alle 21,30, quando due infermieri e un operatore ausiliario stavano assistendo una donna di origine romena. Secondo quanto racconta Aliquò, la donna non avrebbe ascoltato l'invito degli operatori a rimanere seduta: «Le avevano detto di non alzarsi, lei lo ha fatto ed è caduta - racconta Aliquò - Per questo motivo, il compagno e il figlio che erano con lei hanno cominciato a inveire contro gli operatori, bloccando per un'ora tutto il Pronto soccorso. Hanno preso aste e sedie e si sono scagliati contro il personale con calci e pugni. Subito dopo sono arrivati altri insieme a loro a dare manforte. Molti dicono che l'aggressione è avvenuta perché non c'erano posti. Ma non è così».

A seguito dell'aggressione, i due infermieri sono stati medicati: per loro la prognosi è di 15 giorni. Mentre, ad avere la peggio è stato l'operatore ausiliario, che ha riportato delle fratture alle costole. «L'operatore ha avuto anche un trauma cranico e trauma toracico - continua Aliquò - Non è in pericolo di vita, fortunatamente, ma è difficile lavorare così. Dobbiamo fare i conti con la mancanza dei medici, ce n'è soltanto uno per turno, siamo in pochi. Se poi gli operatori devono avere paura anche di coloro che devono salvare, siamo al paradosso insopportabile». A riportare la calma sono stati i carabinieri, che hanno fermato i due. Il compagno della donna, un 43enne, è stato denunciato per minacce e lesioni. Lo stesso provvedimento ha riguardato il figlio, minorenne, della donna. La sua posizione verrà giudicata dal tribunale dei Minori di Catania. «Tutto è stato ripreso dalle telecamere -conclude Aliquò - Sperando nel frattempo che i nostri operatori si riprendano al più presto».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×