Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Le parole d'amore di Benigni alla moglie

Mattia Iachino Serpotta e la sua riflessione sulle frasi pronunciate dall'attore toscano a Nicoletta Braschi - donna che ha sposato e con la quale ha fatto coppia in film che hanno fatto la storia - durante la consegna del Leone d'oro

Mattia Serpotta

Sento di prendere posizione a difesa della categoria dei mariti. Perché, da quando sono state messe in circolo le parole che Roberto Benigni ha dedicato a sua moglie, gli unici uomini che le hanno ricondivise, fidatevi sulla parola, sono quelli che volevano attraccare sulla propria bacheca. Tutti gli altri ce la siamo fatta alla larga. E questo, fino a quando ci siamo sentiti dire: - «Hai sentito la dedica che Roberto Benigni ha fatto a sua moglie?», con un successivo silenzio di sottofondo, che in realtà sapeva chiaramente di paragone al ribasso. «Lui è romantico e – qua dovevamo arrivare – tu no. Tu no». Ora, siccome l’errore più fastidioso è quello di giudicare le parole credibili, non per i loro contenuti, ma in funzione di chi le pronuncia, uno stesso concetto ha prodotto conati di vomito o traumi auricolari a seconda se Roberto Benigni, di suo, sta o meno sul cazzo al commentatore. Per non correre questo rischio, propongo allora di analizzare quelle parole in maniera neutrale e a mente fredda, togliendole dalla bocca di Roberto Benigni. Scelgo due frasi, su tutte. Le altre sono di una banalità devastante.

La prima: «La prima volta che t’ho conosciuta, ho pensato che nostro Signore avesse voluto adornare il cielo di un altro sole». La seconda: «Io conosco una sola maniera per misurare il tempo: con te e senza di te».

Partiamo dalla prima. Immaginate adesso che vi arrivi su Facebook una richiesta di amicizia di uno sconosciuto e che questo vi scriva:

– «Ciao» – «Ciao, ci conosciamo?» – «Perché no, dai, conosciamoci» – «No, dico, ci siamo conosciuti da qualche parte?»  – «No, ma ti ho vista l’altra sera e “ho pensato che nostro Signore avesse voluto adornare il cielo di un altro sole"».

Ora, se giudicate romantica questa frase in bocca a Benigni, dovete farlo anche in bocca al novello decamerone di San Giovanni Galermo. Invece, di fronte a questa frase, parente di «tuo padre è un ladro perché ha rubato due stelle dal cielo», cambia l’oggetto, ma l’universo è lo stesso, la vostra mano esce dal telefonino e lo unchia di coppa.

Passiamo alla seconda. Tralasciamo che – non lo sapevo – è copiata da Borges. La verità è solo questa: qua, tutti misuriamo il tempo con o senza di voi. Ma solo perché ci pare poco quello senza di voi. 

Anche a Benigni, fidatevi. Se c'è un uomo che la pensa diversamente, e non perché vuole attraccare sulla mia bacheca, fatemelo conoscere. Non c’è niente di offensivo. Non caricate gli insulti. Dico anche io una cosa ovvia. L’amore non si misura con la quantità, ma con la qualità. L’amore non ha la partita Iva. Allora, se uno, ad esempio, dopo ventitré anni di matrimonio, il giorno del suo anniversario, se ne va a giocare a pallone, quindi sottrae tempo a sua moglie, può dirsi che non è amore il suo? Quantitativamente no, forse. Ma qualitativamente, sì, dico io. Anche il suo è amore. Solo che a pallone doveva andarci a giocare anche il giorno del suo matrimonio.

Taggo mia moglie, m, per dimostrare che ho i pantaloni.

E in tutto questo, anche se ve ne state fregando letteralmente, io ho scritto un libro dal titolo: La gente non stanno bene.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×