Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Dal borgo disabitato il pane arriva fino in Corea
«Grazie a internet, ma anche alla perseveranza»

Pane, biscotti, pasta e pizza a base di grani autocotoni e a lievitazione naturale. Sono i prodotti del Forno Santa Rita, situato in una frazione di Caltanissetta dove vivono solo tre famiglie. «Dieci anni fa ho scelto di restare», racconta il titolare

Antonia Maria Arrabito

Una corsa verso la lentezza. Maurizio Spinello, titolare del Forno Santa Rita, lo definisce con questo ossimoro l’interesse della gente e dei turisti alla degustazione dei prodotti del suo panificio, sito nell’omonimo borgo nisseno, frazione di Caltanissetta. «Produciamo pane fatto esclusivamente con grani autoctoni e a lievitazione naturale, senza chimica di sintesi, rigorosamente cotto nel fogno a legna», racconta Spinello a Meridionews.

Nel 1999, l’imprenditore, appena ventenne, non ci ha pensato due volte a denominare forno la sua attività, anziché panificio, trattandosi non solo di un nome, ma della parola chiave di tutta la sua produzione. «Rispetto a quello dei panifici urbani - spiega - il nostro forno è in terracotta e viene riscaldato con la legna, invece che con gas o corrente elettrica. Per intenderci, è come quello di una pizzeria, ma dieci volte più grande. D’altronde in passato a Santa Rita non sono mai esistiti panifici, ma solo un grande forno nel quale le famiglie cuocevano il pane tutte insieme».

Un’impresa, che da economica è diventata anche sociale, attirando nell’isolata e poco abitata frazione turisti italiani e stranieri. «Sulla carta a Santa Rita ci siamo solo tre famiglie, più i lavoratori delle varie aziende agricole, che la sera rientrano nei paesi vicini. Ma di fatto si è creato un bel movimento di persone, che vengono a comprare il pane e ne approfittano per godere anche dell’amenità dei luoghi, soprattutto d’estate, quando approntiamo delle panchine su cui è possibile mangiare pane cunzatu e pizza».

Dopo dieci anni di pane e biscotti, infatti, l’attività si è ingrandita, facendo spazio a nuovi prodotti. Cnque anni fa, è stato fondato anche un pastificio. «A un certo punto mi sono reso conto che per esportare i prodotti fuori dalla Sicilia, ne occorrevano altri a lunga conservazione, così ho iniziato a produrre pasta; potendo sfruttare i social e il nostro sito internet». Così alla vendita al dettaglio del pane e alla sua distribuzione nei paesi vicini si sono aggiunti gli ordini online, con richiesta di pasta persino dalla Corea.

E a chi si stia chiedendo quale sia la ricetta di tanto successo, Spinello non risponde con dosi, ma con valori. «Perseveranza e normalità. Una impresa che pretenda immediatamente profitti è destinata a fallire: bisogna avere la pazienza di investire in materie prime di eccellenza e avvalersi di validi collaboratori. Farlo in un paese quasi disabitato può sembrare strano a chi vive in città, ma non a chi è sempre vissuto in campagna. Io - conclude - sono figlio di contadini: ho solo scelto di restare».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×