Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Per la prima volta un siciliano correrà alla Dakar
«Sfida dura, inizierò una preparazione specifica»

La competizione Dakar Classic si terrà in Arabia Saudita nelle prime due settimane di gennaio. Antonio Ricciari si presenterà alla guida di una Mitsubyshi Evolution 3.5. «Un'auto dalle prestazioni elevate», racconta

Simona Arena

«Partecipare alla Dakar sarà il mio sogno di bambino che si realizza». A parlare è un entusiasta Antonio Ricciari, 50enne pilota messinese tra i più esperti della scena italiana del rally. Che ancor prima di mettere piede in Africa per gareggiare ha già raggiunto un traguardo: per la prima volta nella storia della Dakar Classic un concorrente siciliano parteciperà alla grande competizione mondiale di Rally Raid che si svolgerà in Arabia Saudita dall’1 al 14 gennaio 2022. Ricciari sa bene che trasformare quel sogno in realtà «costerà tanto impegno e fatica». Ecco perché anche se mancano ancora tre mesi, in questi giorni inizierà a Viareggio una preparazione fisica e mentale nella clinica del dottor Riccardo Ceccarelli. «Ho scelto di affidarmi a lui perché è specializzato nella preparazione di piloti di F1 e DTM. Voglio prepararmi bene perché non sarà facile, ma ce la metterò tutta per rappresentare al meglio la mia Messina e tutta la Sicilia».

Il 50enne vanta partecipazioni con ottimi piazzamenti al campionato italiano endurance oggi Ccr (Cross country rally, ndr), al Trofeo Mitsubishi e in altre prestigiose competizioni nazionali e internazionali. Ricciari parteciperà alla Dakar Classic con la Rteam RalliArt, scuderia fra le più prestigiose del mondo rally che annovera due vittorie del campionato del mondo T2, una del campionato europeo T2, 21 vittorie di coppa del mondo T2, otto vittorie del campionato italiano, undici partecipazioni alla Dakar e 43 podi internazionali. «Correrò a bordo della Mitsubyshi Evolution 3.5, un’auto dalle performances elevate», spiega Ricciari. Il mezzo in queste settimane è sottoposta al controllo dei tecnici della R Team per consentirgli di guidare un’auto in grado di competere con i migliori piloti di tutto il mondo.

La partenza della Dakar Classic è fissata per l’1 gennaio 2022 ad Ha’Il in Arabia Saudita, l’arrivo è previsto l’8 gennaio a Riyadh, la cerimonia di premiazione il 14 gennaio a Jeddah. Antonio Ricciari sarà affiancato da Marco Giannecchini esperto navigatore del team già campione italiano con Renato Rickler al Tout Terrain. Sono ottomila i chilometri da percorrere della Dakar Classic, tutti pieni di insidie. Oltre seicento invece i piloti iscritti provenienti da tutto il mondo. La grande competizione mondiale sarà preceduta da una prima gara in ottobre in Turchia che consentirà effettuare un primo test alla vettura, a novembre invece sono previsti i test di squadra in Tunisia nel deserto. Il 27 dicembre il trasferimento in Arabia Saudita in vista della partenza dell’1 gennaio.

La Dakar nelle sue varie declinazioni è uno degli eventi mondiali in assoluto fra i più seguiti. Quattro milioni e mezzo sono i fan sui social, 1200 le ore di tv, oltre 70 i canali collegati e undici milioni le visite al sito web.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×