Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sommatino, rapinano una banca armati di pistola
Gli arrestati avevano portato via circa 82mila euro

L'azione era stata portata avanti da tre persone che, lo scorso marzo, erano entrati in un Istituto di credito: due di loro hanno minacciato i dipendenti così da farsi consegnare il denaro. Le indagini hanno fatto scattare le misure cautelari nei loro confronti

Redazione

Avevano commesso una rapina a mano armata lo scorso 16 marzo ai danni della Banca Sicana di Sommatino, in provincia di Caltanissetta, dove si sono presentati con una pistola con cui hanno obbligato il funzionario ad aprire la porta d'ingresso per poi introdursi nell'Istituto bancario. Dopodiché hanno minacciato un altro dipendenti e si sono fatti consegnare circa 82mila euro, per poi fuggire facendo perdere le loro tracce.

Adesso per loro è scattato l'arresto dopo l'ordinanza emessa dal gip. Due persone sono state poste ai domiciliari, mentre per un altro si sono aperte le porte del carcere. Il reato contestato è quello di rapina aggravata in concorso.

I carabinieri, sotto il coordinamento della Procura, hanno acquisito gli elementi per risalire ai tre autori: G.D., 46enne di Mazzarino con a carico precedenti, è stato portato in carcere. Mentre per P.K., gelese di 24 anni, e G.C., 24enne anche lui di Mazzarino, sono scattati i domiciliari.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×