Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Un progetto ecosostenibile nell’Alcantara

Settevoci è il nome della contrada al confine tra il Catanese e il Messinese. Adesso, la storica denominazione definisce il laboratorio che vede nella condivisione e nel ritrovamento del senso di comunità le basi della sua esistenza

Maria Enza Giannetto

Tanti cuori, molte braccia, un unico grande sogno: ridare vita a un antico palazzo patronale siciliano e ai suoi terreni di pertinenza attraverso un progetto di comunità, agricoltura naturale, creazione artistica ed ecologia applicata. Il sogno è quello di Settevoci, dal nome della contrada alcantarina in cui sorge il palazzotto ottocentesco della famiglia Sgroi e gli artefici sono gli amici che hanno sposato il progetto di Giovanni, Guido e Silvia: tre giovani che hanno scelto la Sicilia per mettere radici e immaginare il loro futuro fatto di ritmi lenti e vita sinergica con la natura.

Ma andiamo con ordine, perché entrare nel mondo di Settevoci è un’esperienza da scandire lentamente, per raccontarne tutte le sfaccettature.

Il sogno di Settevoci nasce e si nutre nel territorio di Castiglione di Sicilia, proprio al confine con quello della vicina Francavilla di Sicilia dove le province di Catania e Messina si incontrano e intersecano in quella Valle dell’Alcantara così florida e verdeggiante. Qui, l’antico casale ereditato dalla madre di Guido (Elena Sgroi), abbandonato da anni, ha trovato nuova vita grazie all’intuizione del giovane che ha coinvolto anche Giovanni e Silvia. E così, quel palazzo enorme e diroccato, uno di quelli che spesso non riescono a salvarsi da un destino già segnato in un territorio da cui i giovani scappano (o scappavano) via, in cerca di occupazione sicura, è diventato un baluardo di sostenibilità e condivisione.

Pioniere di questo progetto è proprio Giovanni Simon, musicista – fisarmonicista bolognese (tra i fondatori della band Rumba de bodas) ch.e due anni e mezzo fa, ha lasciato la sua città, trasferendosi a Settevoci per intraprendere quella strada fatta di permacultura, orto sinergico e comunità che l’aveva già conquistato durante una sua permanenza in Senegal e che, in fondo, aveva sentiva già nell’anima sin da giovanissimo.

«Qui a Settevoci – racconta Giovanni - la nostra vita scorre in armonia con i ritmi della natura. Ci alziamo presto per sfruttare le ore più fresche della giornata, ci sono l’orto sinergico da curare, gli alberi da seguire, le galline da accudire e le nostre conserve da preparare. E poi, in questo periodo, c’è anche tanto lavoro di muratura da realizzare».

Grazie a un crowdfunding su Ulule, infatti, a giugno, i giovani di Settevoci sono riusciti a raccogliere il cento per cento della somma occorrente per poter realizzare qualche piccola opera urgente nella casa: un nuovo bagno, l’allaccio alla rete idrica e i primi strumenti per mettere in piedi un laboratorio per realizzare in autonomia le proprie conserve. Il progetto di Settevoci, infatti, è molto ampio e immaginato in varie tappe che, a lungo termine, porteranno a realizzare un laboratorio di ecosostenibilità, creatività, comunità e autoproduzione in armonia con il territorio. Tutti obiettivi che, in fondo, sono già tali in itinere, perché Settevoci è proprio questo, in fondo: un laboratorio dove ogni giorno si sperimenta e si impara.

«L’idea – spiega Giovanni – è quella di ristrutturare lentamente le stanze per l’accoglienza visto che al momento solo una parte del palazzo è abitabile. Grazie al turismo sostenibile, all’ospitalità che proponiamo al momento con vitto e alloggio in cambio di aiuto e collaborazione, in questi anni abbiamo realizzato tante piccole cose ma soprattutto ci siamo arricchiti, giorno dopo giorno, di nuove esperienze».

Tutte esperienze di condivisione che portano anche nuova linfa al progetto e impreziosiscono il bagaglio culturale di Settevoci visto che in questi anni si sono già svolte classi di yoga e di tecniche di volo nel circo, giornate di arte di strada con i buskers, i musicisti e tanti altri creativi. E ovviamente ogni occasione di crescita e di studio è un nuovo mattone nella costruzione di questo presidio di sostenibilità, ecologia e creatività.

«Ammetto che ci sentiamo anche un po’ sentinelle di questi luoghi. Riforestare terreni abbandonati, coltivare attraverso metodi di permacultura e agricoltura sinergica è un’attività che ci rende anche custodi orgogliosi sia di questo luogo sia di tecniche agricole antiche riprese in modo innovativo. E poi siamo felici della bella sinergia che riusciamo a creare con gli altri - continua - Ad esempio, con un laboratorio artigianale locale realizziamo conserve che possono essere acquistate dai soci (datterini gialli o rossi in acqua di mare, passate, composta di arance o arance sciroppate, dado naturale) e ci occupiamo anche di cosmetica solida e naturale».

E proprio la collaborazione e la condivisione segna un po’ una tappa nel percorso che Settevoci sta compiendo in questa valle: la gente del luogo, i vicini di campo e di paese, che dapprima guardavano con curiosità a questi giovani arrivati dalla città, oggi si interessano al loro progetto, danno consigli e condividono esperienze.

I ragazzi di Settevoci si stanno radicando nella Valle sempre di più, tanto da essere anche i partner del circolo Legambiente Taormina Giardini Naxos Alcantara nell’organizzazione di Festambiente 2021 nella Valle d’Alcantara che si terrà dal sei all’otto agosto. Si tratterà di tre giorni di laboratori: visite guidate, mercatini e musica dal vivo nella valle dell'Alcantara. Attività che andranno dalla passeggiata nei comuni di Malvagna, Francavilla e Motta Camastra al Campus per ragazzi dai 10 ai 17 anni che si terrà ogni giorno a Settevoci fino alle tre serate con il Mercato contadino e del Baratto, lezioni di yoga, spettacoli di circo acrobatico, passando dal seminario sui semi e workshop di edilizia sostenibile e concerti (Gianni Rivela, Makari, canti del mediterraneo, Mereketen, JypsyJobs & Eyedrivel Festival Lega).

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×