Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scuola, al via la Summer School dell'Agenzia Dire
Primo giorno dedicato a divulgazione e attivismo

Un'occasione per avvicinare i giovani al mondo dell’informazione e fornire loro gli strumenti per analizzare e raccontare la realtà che ci circonda. L'ultima edizione del progetto proseguirà in modalità online fino a venerdì 9 luglio

Redazione

Foto di: Agenzia Dire

Foto di: Agenzia Dire

Tre attivisti, ospiti della prima giornata della Summer School organizzata dall'agenzia Dire e diregiovani.it, hanno risposto alle domande di 130 studenti di tutta Italia: come si fa a diventare attivista? Come si fa a portare un tema all'ordine del giorno evitando che diventi una "moda" affrontata in maniera superficiale? Come si fa a parlare a tutti senza escludere chi ha un orientamento politico diverso?
La risposta dei tre ospiti - Tullia Nargiso della Rete Studenti Medi, Pietro Turano, attore e attivista Lgbtq+ e Giovanni Mori di Fridays For Future - ha lo stesso punto in comune, che suona come un messaggio alla generazione Z: rompete la bolla mediatica.

«La piazza e i social sono luoghi entrambi utili - ha precisato Tullia Nargiso - per raggiungere più persone, di diverse età anagrafiche e con interessi diversi. È importante che capiamo che per diventare attivisti si comincia usando ognuno la propria voce con la convinzione che conta. Come si fa a diventare attivista? Approfondire, essere presenti, essere consapevoli che la propria voce conta anche solo quando si affronta un tema a cena con gli amici».

Per Pietro Turano, invece, la bolla va infranta per due motivi in particolare: riconoscere i propri privilegi, che non sono una colpa ma che vanno visti e riconosciuti e possibilmente sfruttati per poter essere utili agli altri. E per la lotta intersezionale, perché oggi più che mai «è impossibile pensare che le lotte non si debbano incontrare a un certo punto anche se sono diverse o le portiamo avanti in modo diverso: se io mi contamino con la rete degli studenti medi ho possibilità di arrivare a più persone e loro possono offrire più strumenti oltre a quelli che già offrono alla loro comunità».

E poi l'esperienza di Giovanni Mori, che ha raccontato come la sensibilizzazione alla questione ambientale incroci linguaggi e strumenti diversissimi, dai meme alle pillole informative, fino al mail bombing ai parlamentari; ma anche e soprattutto smettendo di «usare l'immagine dell'orso polare pelle e ossa», che rinvia a luoghi lontani da noi allontanando di conseguenza anche l'orizzonte del problema, usando invece «argomentazioni molto concrete ma innovative e insolite, che toccano nel vivo la quotidianità delle persone come, ad esempio, il fatto che la birra è a rischio estinzione perché i cambiamenti climatici minacciano le coltivazioni di orzo».

Dopo la diretta Youtube della mattina con i giovani attivisti, nel pomeriggio gli studenti e le studentesse si sono trovati tutti insieme online per i saluti del direttore della Dire, Nicola Perrone, e per i laboratori a gruppi sul racconto giornalistico. Gli appuntamenti proseguiranno fino a venerdì 9 luglio, sempre sui canali Facebook e Youtube di diregiovani.it.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×