Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cancelleri mette in discussione la sua permanenza nel M5s
«Grillo chiede voto sul comitato direttivo? Non su Rousseau»

Il sottosegretario ai Trasporti commenta le ultime forti frizioni tra il fondatore del Movimento 5 stelle e Giuseppe Conte. Sullo sfondo si fa sempre più concreta la possibilità di un'emigrazione di massa, specie se l'ex premier deciderà di fare un proprio partito

Redazione

«È d’obbligo pure una valutazione sulla mia permanenza all’interno del Movimento 5 stelle». La frase del sottosegretario ai Trasporti Giancarlo Cancelleri è infilata all'interno di una nota stampa centrata sull'ultimo conflitto all'interno dei cinquestelle, quello tra il fondatore Beppe Grillo e l'ex premier Giuseppe Conte, da molti ritenuto come l'uomo giusto per rilanciare il partito e, invece, fortemente criticato dal comico genovese. «Certamente non sarò io a proporre soluzioni, tuttavia in qualità di membro del comitato di garanzia sono chiamato ad analizzare la vicenda venutasi a creare - si legge nella nota di Cancelleri - Prendo atto della decisione del garante Beppe Grillo che attenendosi alle sue prerogative ha chiesto di mettere in votazione la formazione del comitato direttivo che era stato scelto durante gli Stati generali da parte degli iscritti».

Una partenza tranquilla a cui subito dopo segue il primo affondo. «Nell’ambito delle nostre funzioni abbiamo subito precisato che deve farci pervenire una richiesta formale per attivare tutte le procedure necessarie per tale votazione», ha aggiunto Cancelleri. Per poi mettere una condizione: «Non ci sono margini perché il voto possa avvenire sulla piattaforma Rousseaualla quale è inibito il trattamento di quei dati, proprio come ordinato dal Garante della privacy». Per l'ex deputato regionale siciliano, migrato a Roma nel momento in cui i pentastellati sono entrati al governo, le attuali tensioni sono tali da lasciare presagire anche possibili ulteriori scossoni. «Sul piano politico rimango molto perplesso per come sia precipitata la situazione, non sono assolutamente d’accordo con Beppe perché si è persa una grande occasione che mi sollecita a ulteriori riflessioni - rilancia Cancelleri - Manterrò le mie funzioni per il tempo utile a consentire gli adempimenti necessari allo svolgimento delle prossime consultazioni, dopodiché rassegnerò le mie dimissioni dal comitato di garanzia».

Ad aleggiare, però, è la possibilità che Cancelleri lasci il partito. E con lui molti altri cinquestelle. Sullo sfondo, va ricordato, restano anche le questioni riguardanti al vincolo del secondo mandato e alla possibilità per più di uno - dallo stesso sottosegretario a Luigi Di Maio - di potersi ricandidare. «Ho contribuito assieme a tanti alla nascita di questo progetto nel quale oggi trovo difficoltà a riconoscermi - commenta Cancelleri - Il M5s ha bisogno di evolversi, di maturare per meglio rappresentare i tanti milioni di cittadini che ci hanno dato la loro fiducia e che ancora vorrebbero sostenerci. Se non siamo pronti a cambiare idea vuol dire che non siamo pronti a cambiare nulla e in questo quadro di cose la mia permanenza è esclusa». Molto dipenderà da Conte. Se l'ex presidente del Consiglio dei ministri dovesse decidere di non tentare di ricucire lo strappo con Grillo, andando per la propria strada e fondando un proprio partito, l'emigrazione potrebbe diventare un fatto concreto. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×