Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La proposta di un supereroe regionale dei diritti di tutti
Per difendere i più deboli dalla mala amministrazione

«La Sicilia è l'unica Regione a non avere un difensore civico. Sarebbe un segno di civiltà», spiega a MeridioNews il deputato del Pd Nello Dipasquale. Una sola figura per tutelare anziani, minori, ragazze madri, separati, disabili, tossicodipendenti e stranieri

Marta Silvestre

Foto di: destinazione mondo 20

Foto di: destinazione mondo 20

«La Sicilia è l'unica Regione d'Italia a non avere un difensore civico regionale. Introdurlo sarebbe innanzitutto un segno di civiltà», spiega a MeridioNews il deputato regionale del Partito democratico Nello Dipasquale che è il primo firmatario del disegno di legge con cui si propone l'istituzione di questa figura che, sulla carta, somiglia un po' a quella di un supereroe dei diritti dei più deboli. Nel documento si legge, infatti, che questa «autorità indipendente» dovrebbe occuparsi della difesa civica nei settori e nelle strutture della pubblica amministrazione per i diritti di soggetti svantaggiati. 

L'elenco è lungo: si va dagli anziani ai minori, dagli adolescenti alle ragazze madri, dai separati con figli ai disabili e ai tossicodipendenti fino agli stranieri residenti o con permesso di soggiorno. A tutte questa categorie il difensore civico regionale dovrebbe garantire tutela in caso di ipotesi di violazione di diritti soggettivi da parte dell'amministrazione regionale e degli enti e delle aziende che da essa dipendono. «Innanzitutto rappresenta una garanzia per i cittadini più svantaggiati alla buona amministrazione e alla tutela non giurisdizionale di interessi legittimi. Nel resto d'Italia sta funzionando. In Sicilia - sottolinea Dipasquale - non avere questa figura è una lacuna che incide gravemente sulla trasparenza e sulla modernità del nostro ordinamento. Per questo - aggiunge - occorre rimediare anche con una norma che può essere considerata sperimentale. È sul campo - insiste il deputato del Pd - che potremo verificare i punti di forza e di debolezza per eventualmente modificare qualcosa». 

Al difensore civico toccherebbe intervenire - su richiesta dei diretti interessati, di associazioni o anche d'ufficio - in tutti i casi in cui sussistono «disfunzioni e insufficienze nell'attività e nei comportamenti dell'amministrazione e degli enti per assicurare - si legge nel documento presentato all'Ars - l'effettivo rispetto dei principi di legalità, trasparenza, buon andamento e imparzialità dell'azione amministrativa». A lui spetterebbe anche il compito di sorvegliare sui procedimenti amministrativi per verificare che seguano un regolare corso e che gli atti amministrativi siano tempestivamente e correttamente adottati; che gli atti dovuti non siano omessi o ritardati; che tutte le procedure avvengano in modo legittimo; che vengano fornite ai cittadini le risposte e le informazioni richieste; che i servizi pubblici vengano rispettati e che non vi siano discriminazioni e disparità di trattamento. In poche parole, che siano «osservati i principi di buona amministrazione». Per questo, non si può candidare chiunque rivesta già un ruolo pubblico. 

L'aspirante supereroe dei diritti dei più fragili (al quale spetterebbe un trattamento economico pari a quello massimo previsto per i direttori generali della Regione) dovrebbe essere scelto tra esperti in diritto (preferibilmente nel campo della difesa dei diritti dei cittadini), economia e organizzazione pubblica che «diano la massima garanzia di indipendenza, imparzialità e competenza amministrativa», si precisa nel testo. Per essere eletto dall'Assemblea regionale siciliana, tra i requisiti c'è poi l'obbligo di residenza in Sicilia. Dopo i cinque anni di carica - durante i quali può rinunciare in qualunque momento - il difensore non può essere rieletto.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×