Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La granita, un piacere da gustare a dieta

Non si può rinunciare alla prelibatezza tutta siciliana compresa di brioscia col tuppo. È un rituale che non comporta sensi di colpa. Equilibrando i pasti nel resto della giornata, concederselo è doveroso

PressPopup

«Mezza lira di neve poi bastava a gelare quell’insieme di acqua, zucchero, limone e bianco d’uovo battuto a schiuma, che era la granita», così diceva Leonardo Sciascia. Ancora oggi la granita è sinonimo di sicilianità, gustata a colazione o a pranzo e accompagnata dall’immancabile brioscia col tuppo, con queste temperature, da sollievo come un oasi nel deserto. E allora, perché rinunciarvi, basta solo qualche piccolo accorgimento. Appunto per questo, oggi, spieghiamo quali sono i suoi valori nutrizionali, risolvendo l’enigma relativo al dubbio che la granita possa sostituire o meno un pasto completo.

I valori nutrizionali della granita e il suo apporto calorico variano molto in relazione al gusto scelto, oscillando tra le 300 e le 500 chilocalorie a seconda del tipo e della porzione consumata. I gusti alla frutta sono quelli a minore apporto calorico, ma molto dipende dalla percentuale di frutta fresca utilizzata per la preparazione e quindi a sua volta dal contenuto di zuccheri aggiunti e grassi. Infatti maggiore è il contenuto di frutta fresca, minore sarà il quantitativo di zuccheri aggiunti e grassi. Tra tutte le granite quella più leggera è sicuramente quella al limone, per un totale di circa 200 chilocalorie e un quantitativo molto basso di grassi. Al contrario la granita al cacao ha un maggiore apporto calorico e un più elevato contenuto di grassi. Infine le granite di mandorla e pistacchio forniscono generalmente un apporto calorico medio, ma anche in questo caso i valori nutrizionali dipendono dalle materie prime utilizzate come base di partenza: il latte di mandorla ha un elevato quantitativo di zuccheri mentre le mandorle fresche apportano essenzialmente grassi buoni. Infine l’amata brioche siciliana contiene per la maggior parte grassi e carboidrati per un totale di circa 350 chilocalorie. 

Pertanto, un pasto composto da granita e brioche apporta essenzialmente zuccheri e grassi, non potendo quindi essere considerato light e non rappresentando un valido sostituto di un pasto bilanciato nei vari macronutrienti. Questo però non significa dovervi necessariamente rinunciare. L’importante è imparare a bilanciare i macronutrienti nella restante parte della giornata. Ciò significa che nel resto della giornata andrà ridotto l’introito di carboidrati e grassi a favore di proteine e verdure non eccessivamente condite. Anche per chi segue uno stile alimentare equilibrato o un regime dietetico qualche strappo alla regola è non soltanto consentito ma quasi dovuto, perché concedersi qualche gratificazione occasionale aiuta migliora l’aderenza al regime alimentare e fornisce un maggiore impulso a perseguire l’obiettivo finale.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×