Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Vanno avanti le ricerche dell'imprenditore scomparso
«Ultima immagine nelle riprese del santuario di Tindari»

Salvatore Scaglione è uscito di casa intorno alle 11.45 dell'1 giugno e, da quel momento, i familiari non hanno più avuto sue notizie. «La preoccupazione è che gli sia successa qualcosa e non siamo riusciti ad aiutarlo», dice la figlia Alessandra

Marta Silvestre

«La preoccupazione più grande è che gli sia successa qualcosa e che noi non siamo riusciti ad aiutarlo». A esprimere i suoi timori è Alessandra, la figlia più piccola di Salvatore Scaglione. L'imprenditore 58enne che è scomparso dall'1 giugno da San Piero Patti, in provincia di Messina. «Vorrei solo sapere se sta bene, nemmeno se è quando tornerà», aggiunge la giovane ai microfoni di Chi l'ha visto?.

Salvatore Scaglione

Quando è uscito dalla casa di campagna in cui vive insieme alla moglie - dalla quale però si è separato un paio di anni fa - Scaglione non ha portato niente con sé, «nemmeno un cambio di abiti o un paio di scarpe di riserva». Proprietario di un'azienda agricola, fin dall'adolescenza lavora come panettiere. «Quella mattina - spiegano i familiari - l'unica cosa strana è che era un'oretta in ritardo con la panificazione». L'ultimo pane lo sforna intorno alle 7, a casa torna alle 11. Dopo una doccia, esce di nuovo verso le 11.45 dicendo ai parenti di dovere andare dalla consulente del lavoro

Quando all'ora di pranzo non torna a casa, al suo cellulare risponde già la segreteria. Nemmeno per cena fa rientro. Alla figlia, però, viene in mente di avere visto il suo furgoncino accanto a delle campagne all'altezza dell'arteria che collega Mongiove (frazione di San Piero Patti) con la strada statale 113. «Dal lato della guida - ha ricostruito la figlia Alessandra - lo sportello era aperto». È stato poi un ciclista a raccontare di avere visto Scaglione mentre camminava per strada diretto verso il santuario della madonna di Tindari

È lì che alcune persone lo vedono e le telecamere lo inquadrano intorno alle 13.20. Ha in testa un cappellino blu e in mano ha una bottiglietta d'acqua e un sacchettino con dentro delle noccioline. L'ultimo occhio elettronico che registra la sua immagine è quello delle zona che porta all'area archeologica dove le telecamere ci sono ma non funzionano. «È molto religioso anche se non praticante - sottolineano i familiari - Mette spesso un lumino davanti alla madonna di Tindari che c'è nel giardino di casa. Nell'ultimo periodo, è diventato più spirituale e pratica anche yoga e meditazione. In questo - ci tengono a precisare i parenti - non c'è niente di misterioso o che rimandi a sette, come qualcuno ha provato a suggerirci».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×