Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Elezioni regionali, Pinsone annuncia la candidatura
Dal flop del 2012 al passo indietro alle elezioni 2017

L'insegnante e presidente di Vox Populi con una lettera spiega di volere correre per Palazzo d'Orleans. «Se non realizzo i tre punti del programma entro un anno, mi dimetto». Quattro anni fa il sostegno all'escluso Franco Busalacchi

Redazione

«Se entro un anno dall’inizio della legislatura non avrò realizzato tre punti del Patto con i Siciliani, mi dimetterò». Comincia così la lettera con cui Lucia Pinsone annuncia la candidatura alla presidenza della Regione per il 2022. Insegnante e presidente di Vox Populi, Pinsone è al secondo tentativo e mezzo nella corsa a Palazzo d'Orleans. Ci aveva già provato nel 2012 conquistando 2278 voti pari allo 0,11 per cento dei consensi. Nel 2017 il copione sembrava essere lo stesso: lettera ai siciliani e annuncio della propria candidatura. Alcune settimane dopo, però Pinsone si ritirò dalla competizione spiegando di sostenere Franco Busalacchi del movimento indipendentista Sicilia Libera e sovrana. Tuttavia, il tandem non ebbe molta fortuna con l'ufficio elettorale che escluse il candidato per un problema nella raccolta delle firme, contestandone la validità di 1300 su circa 1800.

Adesso, Pinsone si dice pronta a tornare in campo, spiegando nella sua lettera che «la notizia della mia candidatura alla presidenza della Regione potrebbe apparire non diversa da quella di altri che ci riprovano, perfino senza aver dato buona prova di sé, nonostante il tempo trascorso al governo. Invece, sono convinta che in politica ci vuole buonsenso, quello mio che di politica mi occupo da sempre e quello delle persone che vivono nelle nostre città e nei nostri paesi, che dei problemi hanno una visione ravvicinata e perciò concreta». 

Pinsone sarà protagonista di un tour «nelle piazze dei nostri 391 Comuni». «Porterò nei palazzi della politica le loro necessità e le loro soluzioni di buonsenso - prosegue - ma dico di più: assumo ufficialmente l’impegno di dimettermi nel caso in cui non riuscissi a realizzare tre dei punti del patto entro il primo anno di governo. Più precisamente, la vita quotidiana dei disabili, l’alleggerimento della burocrazia e l’utilizzo serio dello statuto della Regione siciliana».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×