Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Un paese in provincia di Siracusa a rischio zona rossa
Cluster familiare dopo i festeggiamenti per la cresima

La sindaca ha chiuso le scuole e vietato il consumo di cibi e bevande all'aperto. Al momento, si contato 30 positivi e 37 persone in isolamento. «Difficoltà per dosi di vaccino e ricerche nel portale», lamenta a MeridioNews la prima cittadina Marilena Miceli

Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Trenta positivi e 37 persone in isolamento. Sono questi i dati sulla pandemia da Covid-19 a Canicattini Bagni. Nel paese in provincia di Siracusa, da qualche giorno, la zona rossa sembra essere dietro l'angolo. Intanto, la sindaca Marilena Miceli ha emesso una ordinanza con cui ha sospeso le attività in presenza di tutte le scuole pubbliche di ogni ordine e grado e ha interdetto l'ingresso al pubblico negli uffici comunali. Inoltre, nel centro che conta poco più di 6600 abitanti (almeno sulla carta) le misure restrittive prevedono anche il divieto di consumare cibi e bevande all'aperto, oltre a quello di stazionamento e di assembramento nelle aree e piazze pubbliche. 

Il virus sarebbe tornato a fare registrare numeri che sono di poco sotto la soglia limite per la zona rossa, in seguito ai festeggiamenti per le cresime. Le funzioni religiose si sarebbero svolte nel rispetto delle regole previste e anche il rinfresco in questione, in realtà, avrebbe visto solo la presenza di familiari stretti del festeggiato: genitori, nonni e zii paterni e materni. Il cluster iniziale è stato scoperto per caso, due giorni dopo, quando la nonna del cresimato è stata sottoposta a un tampone - che ha dato esito positivo - in ospedale dove avrebbe dovuto effettuare un controllo specialistico. Da lì la ricostruzione della rete dei contatti avuti. Al momento, sono quattro i positivi le cui condizioni - dovute anche a patologie pregresse - hanno richiesto il ricovero ospedaliero

«La situazione di emergenza obbliga ognuno di noi a comportamenti basati su cautela e responsabilità - ha detto la prima cittadina - Solo un atteggiamento rispettoso delle regole può debellare e sconfiggere il virus. Occorrono pazienza e senso civico perché l’impegno di oggi è garanzia di una immediata ripresa futura». Intanto, oggi dovrebbero arrivare i risultati di molti dei test effettuati sulle persone sottoposte all'isolamento. «Quello che in questo momento mi preoccupa di più - sottolinea Miceli - sono le difficoltà legate alla disponibilità delle dosi di vaccino e delle prenotazioni sul portale in cui troppo spesso capita che Canicattini non spunti affatto». Da settimane, ormai, è possibile vaccinarsi anche nei locali della guardia medica con la collaborazione dei medici di base che si sono resi disponibili. «In teoria, potremmo vaccinare tra le settanta e le novanta persone al giorno - conclude la sindaca - ma le dosi di vaccino che arrivano sono meno rispetto a quelle che dovrebbero arrivare».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×