Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Castrofilippo, rissa tra famiglie di nomadi camminanti
Uomo ferito gravemente al braccio con un coltellaccio

La lite è degenerata in una scena violenta. Nel centro dell'Agrigentino, un pregiudicato armato di carabina e coltello è stato arrestato dopo essersi scagliato contro un 43enne, rischiando di tranciagli l'arto

Redazione

Una lite scoppiata in strada e degenerata in una scena di violenza. È accaduto a Castrofilippo, nell'Agrigentino, dove alcuni appartenenti alla famiglia dei nomadi camminanti hanno dato inizio a una rissa vicino alle proprie abitazioni. Due pregiudicati - R.G. e R.P., di 57 e 32 anni - sono stati i primi a scontrarsi, poi un altro soggetto, il 43enne G.G., è intervenuto, tendando di dividere i due. Ma l'uomo di 57 anni, che nel frattempo era corso a casa per armarsi, ha esploso un colpo di carabina ad aria compressa, per poi prendere un coltello da macellaio e colpire al volto e al braccio sinistro il 43enne, recidendogli i tendini.

I carabinieri hanno prestato soccorso alle vittime e identificato l'aggressore. Dopo una perquisizione nella sua abitazione è stato sequestrato un coltello che l'uomo teneva nascosto nell'armadio. R.G. nella comunità dei nomadi è conosciuto come arrotino. Il ferito, G.G., è stato trasportato presso l'ospedale Civico di Palermo, dove è stato sottoposto a un delicato intervento al braccio. L'aggressore è stato rinchiuso nel carcere di Enna. Per l'uomo l'accusa è quella di tentato omicidio pluriaggravato. Nelle prossime ore comparirà davanti all'autorità giudiziaria.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×