Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sequestrate strutture abusive alla Valle dei Templi
Indagato per abuso edilizio titolare del punto ristoro

Un percorso in calcestruzzo, pedane di legno, gazebi, locali chiusi con dentro frigoriferi, lavabo e altri arredi, una cisterna e anche lo scivolo per i disabili. Nessuna delle opere aveva ricevuto l'autorizzazione della Soprintendenza e dell'ente parco. Guarda il video

Redazione

Non era stata concessa alcuna autorizzazione dalla Soprintendenza per i beni archeologici né dall'ente parco per le opere realizzate dopo la struttura originaria Case Valenti della Valle dei Templi. Per questo, i carabinieri del nucleo per la tutela del patrimonio culturale di Palermo insieme ai militari della compagnia di Agrigento hanno eseguito il sequestro preventivo. Il provvedimento è stato emesso dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Agrigento, su richiesta della procura, a seguito degli approfondimenti che hanno seguito le attività d’indagine svolte nel mese di ottobre del 2019.

Nel corso dei controlli effettuati su un punto di ristoro all’interno del parco della Valle dei Templi, sono state riscontrate violazioni delle normative igienico-sanitarie e del codice dei beni culturali e del paesaggio, con la chiusura di alcune parti adibite a laboratorio e di due depositi per alimenti realizzati abusivamente e in ambienti non autorizzati. 

Le opere abusive sequestrate sono un accesso alla struttura principale costituito da un percorso realizzato in calcestruzzo; un'ampia pedana in legno e in ferro; due gazebi con pilastri e travi in ferro e un pergolato con un bancone; un terzo gazebo della stessa tipologia ubicato tra la pedana e la via sacra dei templi; due locali chiusi, realizzati sulla pedana, adibiti a deposito; un patio in legno con dentro un quadro elettrico; una parete di legno costruita sulla pedana; un ambiente chiuso con dentro dei frigoriferi, un lavabo e altri arredi, ricavato attraverso la chiusura con una parete di legno del terrazzino di Casa Valenti (con una chiusura che costituisce un incremento di volumetria); una cisterna; uno scivolo per disabili per l’accesso ai servizi igienici.

Il provvedimento di sequestro preventivo attesta il concreto pericolo che «la libera disponibilità di quanto sopra indicato possa aggravare o protrarre le conseguenze dei reati ipotizzati, in quanto vi è il rischio che l’uso delle aggravi la lesione dei beni giuridici protetti», così scrive il gip del tribunale di Agrigento nella motivazione del decreto eseguito dai carabinieri. Allo stato attuale, è indagato il legale rappresentante della società che gestisce il punto di ristoro, a cui vengono contestati i reati di abusivismo edilizio, opere illecite, uso illecito e opere eseguite in assenza di autorizzazione o in difformità di essa.

«Se qualcuno pensava di spostare le lancette indietro di qualche decennio, quando le opere abusive passavano inosservate, si è sbagliato di grosso - dichiara l'assessore ai Beni culturali Alberto Samonà - Ringraziamo il Nucleo per la Tutela del patrimonio culturale e tutta l'Arma dei carabinieri per l'incessante azione di contrasto dell'illegalità e dell'abusivismo».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×