Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, Musumeci chiede di incontrare Lamorgese
«Roma deve puntare i piedi con l'Unione europea»

Il governatore chiede un intervento del governo nazionale, dopo il recente sbarco di circa duemila persone a Lampedusa. Intanto la nave Sea Watch 4 è stata nuovamente posta sotto fermo: «Anche senza ong la gente fugge dalla Libia»

Redazione

Foto di: sea watch

Foto di: sea watch

«Non è con le sole buone volontà che si risolve il dramma umano dei migranti nel Mediterraneo». Nello Musumeci interviene sul tema degli sbarchi, tornato al centro dell'attenzione dopo che nei giorni scorsi oltre duemila persone sono arrivate a Lampedusa, sfruttando le giornate di bel tempo. «Tutti sanno che nelle prossime settimane moriranno altri innocenti nel loro disperato viaggio verso le coste siciliane, ma nessuno muove un dito, né a Roma, né a Bruxelles - va avanti il governatore - A gestire questa infinita tragedia hanno lasciato la Sicilia, Lampedusa in testa, con i nostri sanitari, i nostri volontari e i pochi uomini in divisa».

Musumeci annuncia di avere chiesto un incontro alla ministra degli Interni Luciana Lamorgese, per chiedere un maggiore impegno a livello nazionale. «Roma punti i piedi con l’Unione europea e pretenda subito la solidarietà più volte invocata dal Pontefice: tutto il resto è vergognosa ipocrisia». Nelle ultime ore sono 313 i migranti che sono stati trasferiti sulla nave quarantena Allegra. Altri duecento, invece, sono stati partiti sul traghetto Sansovino con destinazione Porto Empedocle, da dove però verranno smistati in vari centri d'accoglienza del Ragusano. Al momento a Lampedusa restano 900 persone, dei quali circa 700 fermi sul molo Favarolo, in attesa di poter entrare nell'hotspot.

Un commento sull'attuale situazione arriva anche dall'ong Sea Watch, che da poco ha rievuto la notizia del ripristino del fermo della nave Sea Watch 4, che era stato sospeso dal Tar. «Alle navi umanitarie viene chiesto di adeguarsi a criteri che la stessa guardia costiera non ha mai chiarito, creando così un pretesto per determinare arbitrariamente chi può essere soccorso e chi, invece, dovrà continuare a morire o a essere respinto illegalmente», si legge in una nota. L'organizzazione poi torna sul tema del presunto fattore attrattivo determinato dalla presenza delle navi umanitarie nel Mediterraneo. «Come dimostrato da sbarchi, respingimenti e morti delle ultime ore, anche in assenza di soccorsi le persone continuano a fuggire dalla Libia, in un tratto di mare che lo stesso ministro degli Esteri italiano ha definito pericoloso, esortando i nostri connazionali a evitarlo. Eppure - continua Sea Watch - l'Italia finanzia e arma le milizie libiche che intercettano violentemente i naufraghi e sparano ai pescatori».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×