Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Morte 130 persone nel Mediterraneo dopo naufragio
Attivista: «Gli Stati abbandonano loro responsabilità»

Un'altra tragedia nelle acque a Nord Est della Libia. L'intervento delle organizzazioni umanitarie non è bastato a evitarla. «Non abbiamo trovato sopravvissuti», racconta Luisa Albera, coordinatrice sulla Ocean Viking

Redazione

Un'altra tragedia nel Mediterraneo, dove nelle scorse ore si è assistito al naufragio di un gommone a Nord Est di Tripoli con circa 130 persone a bordo. L'imbarcazione era stata segnalata già mercoledì mattina. L'allarme è stato dato dalla Ocean Viking, che insieme a tre navi mercantili e all'associazione umanitaria Sos Mediteranee, hanno provato a dare soccorso. 

«Nelle ultime 48 ore, il network telefonico civile Alarm Phone ci ha avvisato di un totale di tre barche in difficoltà in acque internazionali al largo della Libia - dichiara Luisa Albera, coordinatrice del soccorso sull'Ocean Viking - Tutte si trovavano ad almeno dieci ore dalla nostra posizione nel momento in cui abbiamo ricevuto le segnalazioni. Abbiamo cercato due di queste barche, una dopo l’altra, in una corsa contro il tempo e con il mare molto mosso, con onde fino a sei metri».

Albera parla dell'assenza di un coordinamento efficace da parte dello Stato. «La ricerca è stata organizzata in condizioni difficili - continua la volontaria di Sos Mediterranee - Mentre cercavamo senza sosta, sono stati avvistati tre cadaveri dalla nave My Rose». Sono risultati vani gli aiuti di Frontex. «Dal momento in cui siamo arrivati sul posto oggi non abbiamo trovato nessun sopravvissuto, ma abbiamo visto almeno dieci corpi nelle vicinanze del relitto. Abbiamo il cuore spezzato. Pensiamo alle vite che sono state perse e alle famiglie che potrebbero non avere mai la certezza di ciò che è successo ai loro cari».

L'ultimo drammatico avvenimento si aggiunge alla notizia di due giorni fa, quando su un altro gommone intercettato dalle forze libiche sono morti una donna e un bambino. I naufraghi di quest'ultima imbarcazione sono stati riportati sulle coste libiche e condotti in un centro di detenzione. «Dove molti di loro subiscono violenze e abusi indicibili», fa notare l'attivista. Quest'anno, secondo le organizzazioni umanitarie, sono state più di 350 le persone che sono morte nel tratto di mare a largo della Libia. «Gli Stati abbandonano la loro responsabilità di coordinamento delle attività di ricerca e soccorso - conclude Albera - lasciando gli attori privati e la società civile a riempire il vuoto mortale che si lasciano dietro. Abbiamo davanti le conseguenze di tutto ciò».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×