Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Le sedie con il nome di donna

A fine Ottocento la provincia di Catania diventa punto di riferimento per la realizzazione di mobili e arredamenti, grazie anche a brevetti made in Sicily. La storia delle aziende Sardella di Acireale e Wäckerlin di Catania

Giusy Belfiore

Alla fine dell’800, a Catania, si diffuse una sorta di nuova cultura dell’abitare, con conseguente diffusione del concetto di , casa di villeggiatura. Una coincidenza che si unisce allo sviluppo di un’imprenditoria straniera molto attiva, e che giunse in Sicilia attraverso la flotta Britannica subito dopo che l’esercito napoleonico avanzò nel Regno di Napoli nel 1798. Si svilupperà così un’industria di mobili e arredi così innovativa da rendere la Sardella di Acireale e la Wäckerlin di Catania, aziende famose in Italia e in Europa.

Alla fine del 1870, Pietro e Luigi Sardella sono artefici di una grande innovazione: curvare tramite il vapore il legno di gelso che diverrà il sostituto del faggio. Questa loro attività rappresenterà così la più antica forma di impresa industriale nel settore e sull’isola. Cresciuta fino a contare 250 operai, agli inizi del 1880 la Fratelli Sardella ottiene il brevetto di privativa reale per tutto il regno per la fabbricazione delle sedie uso Vienna e annovera fra i clienti anche i reali arsenali delle Ferrovie dello Stato, le pubbliche amministrazioni, ma soprattutto, rullo di tamburi, la Real Casa Savoia.

La storia di Giovanni Wäckerlin lo vede arrivare a Catania appena ventenne (1897), insieme a una colonia di svizzeri. Wäckerlin assume la direzione della fabbrica di mobili che i Caflisch avevano rilevato dall’imprenditore catanese Mario Sangiorgi. La storia narra che quest’ultimo non essendo riuscito a fronteggiare gli oneri finanziari aziendali, dovette vendere l’azienda. Nasce così la Wäckerlin & C., fabbrica di mobili in legno curvato a vapore sita in via Mario Sangiorgi, 32. 

Sotto la direzione dello svizzero, la produzione, soprattutto di sedie, incontra i favori del pubblico anche all’estero e le dimensioni aziendali crescono così come le commesse importanti. Vengono progettate forme nuove per creare oggetti in legno curvato, e la Wäckerlin ottiene anche il brevetto per i rinforzi all’interno dei sedili prodotti da una macchina di propria invenzione. Ciò fa sì le sedie diventino molto più stabili e la concorrenza venga sbaragliata. Il catalogo della Wäckerlin, nel 1915, verrà scritto in quattro lingue e Anna, Berta, Frieda, Lydia e Marta, figlie di Giovanni, daranno il loro nome a magnifiche sedie da teatro che conquisteranno l’Europa.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×