Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ragusa-Catania, Musumeci unico commissario non tecnico
E il ministero gli affianca il responsabile della nemica Anas

Nei giorni scorsi il governo Draghi ha ufficializzato la lista dei 29 che dovranno seguire l'iter di quasi una sessantina di opere in tutta Italia. Il presidente della Regione è l'unica figura politica. Una scelta frutto di una trattativa in cui non sono mancati gli attriti

Simone Olivelli

«Solo per un’opera in Sicilia è stato nominato il presidente della Regione». Slide quattro, nota a piè di pagina. Il documento è quello con cui, venerdì scorso, il ministero delle Infrastrutture ha ufficializzato la nomina dei commissari per la realizzazione di 57 interventi ritenuti di interesse nazionale. Tra le figure a cui spetterà l'accelerazione degli iter burocratici c'è anche Nello Musumeci. Il governatore, così come preannunciato il mese scorso, è stato scelto dal ministro Enrico Giovannini per seguire la nascita dell'autostrada Catania-Ragusa. Un'opera che l'area sud-orientale della Sicilia aspetta da decenni e la cui progettazione era in mano alla Sarc, società della famiglia Bonsignore, di cui Vito è stato esponente della Dc di area andreottiana. Dall'affare i Bonsignore - e con loro tutti i soci della Sarc, tra i quali, seppur con l'un per cento, la Tecnis un tempo di Concetto Bosco Lo Giudice e Mimmo Costanzo - se ne sono usciti in cambio di circa 40 milioni di euro, ovvero la somma che Anas ha sborsato per acquisire il progetto definitivo della Catania-Ragusa. Un passaggio fondamentale per chiudere il capitolo della finanza di progetto, con il coinvolgimento del privato, e superare lo spauracchio di un pedaggio che, per una settantina di chilometri, sarebbe postuto costare ai siciliani anche venti euro

Adesso invece la strada, a doppia carreggiata e con quattro corsie complessive, sarà totalmente gratuita. Il progetto esecutivo, che entro giugno dovrebbe essere completato, prevede il collegamento tra lo svincolo di Chiaramonte della ss514 e lo svincolo della ss194 Ragusana anche se il percorso è stato leggermente modificato per assolvere le prescrizioni del ministero dell'Ambiente in materia di vincoli. «Siamo andati avanti spediti e se tutto procede come nei programmi - commenta a MeridioNews il sottosegretario alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri - ritengo che tra fine 2021 e l'inizio del nuovo anno le gare potranno essere tutte aggiudicate e si potranno avviare i cantieri. Questa è una strada che da bambino sentivo dire che era necessaria e che finalmente sarà realmente costruita».

Ad avere la possibilità di mantenere il piede sull'acceleratore sarà, come detto, il presidente della Regione. Musumeci è l'unico politico tra i 29 commissari nominati dal governo Draghi, gli altri sono tutti funzionari interni ad Anas o al ministero. A coadiuvarlo - nelle vesti di sub-commissario - sarà Raffaele Celia, da molti dato prossimo responsabile della struttura territoriale di Anas in Sicilia al posto di Valerio Mele, che in estate dovrebbe lasciare l'isola. Proprio Celia, a gennaio, era stato indicato come commissario nell'elenco di nomi che l'allora governo Conte aveva inviato al Parlamento. Seppure con l'indicazione: «Da verificare con il presidente Musumeci». Un appunto dietro cui si celava la lunga trattativa tra governo nazionale e regionale sulla gestione dell'opera, con il secondo che per, lungo tempo e complice l'avversità non mascherata nei confronti di Anas, si è fatto avanti per avere un ruolo di primo piano per vigilare sull'avanzamento dell'iter.

Una richiesta che, nel corso del passaggio da Sarc al pubblico, ha preso le forme anche di un coinvolgimento diretto della Regione Siciliana all'interno di una società di scopo, dove Roma avrebbe partecipato tramite Anas e Palermo tramite una proprietà società pubblica, tipo il Cas. Quest'ultima ipotesi, tuttavia, è stata scartata anche per questioni di opportunità, se si considera il discorso ancora aperto al ministero delle Infrastrutture inerente la possibilità di revocare le concessioni all'ex Consorzio per le autostrade siciliane. Così alla fine si è deciso per la scelta del commissariamento siculo con la condizione che il ministero ponesse un proprio uomo di fiducia - Celia, appunto - a seguire l'iter. 

Posti i paletti sulle competenze, adesso, toccherà superare tutti i prossimi test fino ad arrivare all'avvio dei cantieri. Sul piatto ci sono circa 754 milioni di euro, provenienti perlopiù dalla rimodulazione di fondi europei assegnati alla Sicilia, e la possibilità che l'opera venga suddivisa in più lotti. A proporre questa soluzione è stata anche Ance Sicilia, l'associazione che riunisce i costruttori. «Per noi sarebbe la soluzione più corretta - dichiara a MeridioNews il presidente regionale Santo Cutrone - perché consentirebbe anche alle medie imprese di prendere parte alla gara che altrimenti sarebbe riservata soltanto ai colossi. Così facendo eviteremmo che alla maggior parte degli imprenditori resti soltanto la possibilità di ottenere al più dei subappalti». L'idea di dividere la tratta in lotti nelle settimane passate era stata sposata dall'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone. Ma ad avere l'ultima parola sarà Nello Musumeci. Nelle vesti ufficiali di commissario, finché sarà a palazzo d'Orleans. La nomina, infatti, riguarda il presidente della Regione pro tempore e il cronoprogramma prevede quattro anni di lavori.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×