Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Scoperta una rara moneta di bronzo durante gli scavi
«Una sorpresa dall'alto valore storico e archeologico»

Il reperto che raffigura la testa di Athena o Ares rivolta a destra è stato ritrovato nel corso delle operazioni per il raddoppio ferroviario Palermo-Catania. L'assessore regionale ai Beni Culturali: «Alto valore di testimonianza storica»

Redazione

Una moneta romana in bronzo con la testa di Athena o Ares rivolta a destra sul diritto e una Triscele con la gorgone e spighe di grano tra ogni gamba, al rovescio, è stata ritrovata nel corso degli scavi per il raddoppio ferroviario Palermo-Catania, nella tratta Caltanissetta-Xirbi-Lercara. La moneta, rivenuta in uno degli ambienti della residenza romana del I secolo d.C. recentemente portata in luce negli scavi che stanno interessando il territorio di Vallelunga Pratameno (Caltanissetta), è stata coniata dalla zecca di Panormos, di cui riporta la legenda, e si può datare a un momento successivo alla I guerra punica, quando la Sicilia diventò provincia romana (post 241 a.C.).

«Gli scavi continuano a riservarci interessantissime sorprese che confermano l'alto valore storico e archeologico della villa appena scoperta - sottolinea l'assessore dei Beni culturali e dell'Identità siciliana Alberto Samonà - La rara moneta ritrovata che per gli archeologi ha un alto valore di testimonianza storica, ci dà solo l'idea di quello che questo sito potrà regalarci. La residenza rurale - prosegue l'assessore - per la vastità della tenuta, che è stata stimata in sei ettari e per la ricchezza che mostrano le parti edificate, si può considerare, al pari di un'azienda agricola dei nostri giorni, posta in un contesto ambientale e paesaggistico per molti aspetti rimasto immutato».

Per gli studiosi, questo particolare tipo di moneta sembrerebbe poco attestato, dal momento che si conoscono solo altri tre esemplari con legenda Panormitan cui si aggiunge la moneta appena ritrovata a Vallelunga. Quanto alla Triskeles, che si trova incisa su un lato della moneta, va ricordato che è diventata un simbolo con valenza politica solo dopo l’acquisizione della Sicilia tra le provincie romane, assumendo una funzione emblematica caratterizzante e distintiva della nuova provincia destinata a diventare la principale fonte di approvvigionamento del grano per l’annona romana.

«Il rinvenimento deve leggersi nel contesto generale della residenza rurale - dice la Soprintendente dei Beni culturali di Caltanissetta Daniela Vullo - che si sta rivelando sempre più come un vasto complesso legato non solo allo sfruttamento agricolo del territorio, ma anche come luogo residenziale di svago e villeggiatura. La villa, infatti - continua - mostra diversi restauri e rifacimenti, che potrebbero essere legati al cambio d’uso di alcune parti strutturali dovuti alla fruizione stagionale. Il luogo si trova in un’area pianeggiante attraversata dal torrente Belici e circondata da dolci colline, ancora oggi coltivate a grano e vite». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×