Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Antimafia, La Rocca sentito sull'appalto pulizie nelle Asp
«C'è la necessità di chiudere rapporti con ditte indagate»

Il direttore della pianificazione strategica dell'assessorato ha parlato di fronte ai componenti della commissione parlamentare in merito allo stato degli appalti che riguardano le aziende sanitarie. Alcuni sono congelati dopo lo scandalo Sorella sanità

Gabriele Ruggieri

Non solo emergenza Covid. Il dirigente della pianificazione strategica dell'assessorato regionale alla Salute Mario La Rocca durante la sua audizione di fronte alla commissione Antimafia dell'Assemblea regionale siciliana ha riferito anche dell'ambigua situazione della gara d'appalto per le pulizie all'interno delle Asp, congelata dopo lo scandalo dell'inchiesta Sorella sanità. Sotto la lente della guardia di finanza finì la procedura da oltre 227 milioni di euro che sarebbe stata pilotata con il contributo fondamentale di Fabio Damiani. Evento che ha di fatto ha portato la Centrale unica di committenza della Regione a sospendere le aggiudicazioni dei dieci lotti incriminati. Ma non ad annullare il risultato. Ciò ha di fatto creato un limbo che ha portato le singole aziende sanitarie a prorogare i contratti esistenti, nonostante gli stessi siano in mano in molti casi a imprese coinvolte nell'indagine, come nel caso della Pfe di Salvatore Navarra. Una decisione che non avrebbe incontrato i favori degli uffici che fanno capo all'assessorato alla Salute, come spiega La Rocca. 

«Abbiamo fatto presente la necessità di chiudere i rapporti con le ditte coinvolte in questa indagine e al contempo di portare avanti le gare nuove proprio per bloccare la prosecuzione di questo sistema di vecchi appalti». Questione alla quale dalla Cuc hanno replicato tempo fa, spiegando che è stata l'Avvocatura a suggerire, in via precauzionale, di limitarsi a sospendere la gara. Dopodiché la Centrale ha anche chiesto alle Asp un report aggiornato dei contratti con tutte le società e quali azioni di controllo sono state poste in essere, in modo da potere agire in autotutela. 

«La Cuc non intende andare avanti con l'appalto - prosegue La Rocca - Ma noi non possiamo sostituirci alla Cuc, ci siamo solo permessi di suggerire di andare avanti con la gara proprio per uscire dall'imbarazzo di andare avanti con gli appalti in mano a ditte indagate. Se aderissimo alle gare con le modalità utilizzate dalle altre centrali di committenza - conclude - sicuramente avremmo dei benefici per tutto il sistema sanitario regionale». La soluzione per molti potrebbe essere quella di indire gare ponte in attesa si chiarisca il destino del maxi-appalto finito al centro dell'indagine. Per adesso, però, sono poche le Asp - tra queste quelle di Siracusa e Trapani - ad avere avviato l'iter per nuove aggiudicazioni. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×