Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ragusa, oltre dieci positivi nel coro di una chiesa
Direttore Asp: «Comportamenti da irresponsabili»

Sono stati una dozzina - tra cantanti, familiari e il prete - a essere stati contagiati durante le celebrazioni pasquali. Sul fatto si è espresso senza mezzi termini Angelo Aliquò: «Nessuno pensa alle difficoltà a cui vanno incontro i sanitari»

Carmelo Lombardo

«Può capitare a chiunque di essere contagiato, ma vorrei che ci fosse un minimo di collaborazione. E certamente cantare in un coro aumenta le possibilità di prendere il virus». Angelo Aliquò, direttore generale dell'azienda provinciale sanitaria di Ragusa, non utilizza mezzi termini per commentare quanto è accaduto in una chiesa del capoluogo ibleo, dove dopo le feste di Pasqua sono risultate positive oltre dieci persone che cantavano nel coro

«Abbiamo fatto il tracciamento. Subito dopo Pasqua erano in tre, adesso sono aumentati - sottolinea a MeridioNews - Non ho nulla contro il coro o la chiesa, ma credo che evidentemente queste persone non indossassero la mascherina, che in questo momento sappiamo che ci protegge. Se possiamo evitare gli assembramenti o prendere delle semplici precauzioni, perché non lo facciamo?». Aliquò due giorni fa aveva scritto un post sulla sua pagina Facebook, in cui si chiedeva se in questo periodo non si potesse fare a meno di un coro. 

Nello stesso post veniva fatto riferimento a un sassofonista che questa estate sarebbe andato ai matrimoni a avrebbe contagiato gli invitati. «Ho ricevuto anche critiche - ammette - Ma il mio pensiero va ai sanitari: abbiamo mancanza di personale, di anestesisti e di operatori nei pronto soccorsi in tutta Italia. Da un lato ci si affida ai medici solo quando si è in difficoltà o davanti a lunghe attese. Dall'altro lato facciamo di tutto per riempire ospedali, non potendo fare a meno di certi comportamenti e continuando a non collaborare». Le persone del coro adesso avrebbero contagiato anche i familiari, due sono ricoverate. Intanto a Ragusa e provincia i contagiati sono più di mille, mentre 60 sono i pazienti in ospedale. «Cose del genere possono capitare anche a me - conclude Aliquò - Magari avrò anche io commesso qualche errore, ma non possiamo andarci a cercare appositamente i rischi. Chiudono i teatri e i cinema, dove i distanziamenti sarebbero anche maggiori, e poi si fa fatica a non mantenere le distanze accanto a uno che canta».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×