Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il caso del signor Scott, uno scozzese a Catania

Un'antica famiglia la cui storia ha radici in Scozia. Sebastian s'innamorò di una giovane signora di Pedara. Da questo momento rimane affascinato da questa terra, tanto da cambiare il nome in Sciuto

Giusy Belfiore

Nel 1837, Alfio Scuto Tomasell acquistò un lotto di terreno nella parte alta dell’attuale via Etnea per costruire una casina di villeggiatura nella quiete di quella che, allora, era una campagna.
Scelse una zona agli antipodi della sua residenza in vico Parisi, oggi via Scuto, non lontano dal Castello Ursino e confinante con la via San Calogero. È quasi certo che la scelta fu dettata dalla visione di quello che sarebbe stato il futuro piano urbanistico del territorio, ma anche, con molta probabilità̀, dalla ricerca di un luogo che avesse delle caratteristiche più salubri.
Proprio in quell’anno, infatti, l’epidemia di colera uccise il padre Sebastiano Scuto Tomasell

Sì, proprio «Tomasell» nome tronco e ora vi spieghiamo il perché. L’antica storia di questa famiglia ci riporta infatti alla lontana Scozia. È proprio da lì che venne Sebastian Scot. Questo signor Scot s’innamoró di una giovane signora di Pedara, da cui ebbe un figlio e decise di cambiare il suo nome in Scuto. Fu così che, Alfio, figlio di Sebastian, sposò una Tomaselli e chiamò suo figlio Sebastiano, come il padre. Quel Sebastiano Scuto Tomasell che morirà di colera e sarà poi seppellito nella chiesa dell’Indirizzo, come ogni buon uomo di mare che si rispetti, anche per il legame solido con la Vergine dell’Indirizzo da cui si narra avesse ricevuto parecchie grazie.

Alfio Scuto Tomasell, ovvero il figlio di Sebastian, ottenne vari riconoscimenti, tra cui il titolo di cavaliere dell’ordine di Francesco Giuseppe e il vice consolato austriaco con sede a Catania perché aveva salvato, e riportato a casa fino in Austria a proprie spese, gli equipaggi sopravvissuti ad alcuni naufragi.

Imprenditore di larghe vedute, interessato allo zolfo, al sommaco, al cotone, oltre che a olio, vino, mandorle e frumento; visionario e precursore dei tempi, fu d’esempio e d’ispirazione per la folta schiera di imprenditori stranieri, che da lì a breve sarebbero arrivati in città.
Si racconta inoltre, che nella sua villa, ospitó Carlo Ludovico D’Asburgo, fratello dell’imperatore Francesco Giuseppe, che si trovava in convalescenza nell’isola, grazie al clima mite della stessa. Tra i successi commerciali che gli sono attribuite, Alfio Scuto Tomasell fu proprietario di magazzini con cantine in via Vela, in via Scuto, in via Di Bella e in via Gazometro (oggi via Cristoforo Colombo) e tra, le attività possedute, troviamo anche una conceria e diverse botteghe in via Museo Biscari.Come dice il detto «i pirocchi fanu pirocchi» sembra che abbia acquistato, inoltre, parecchi immobili vicino casa sua, che abbia dotato i quattro figli di appartamento in zona via Garibaldi e che era proprietario di magazzini gabellati ad Aveline per la sua fabbrica di asfalti.

Come da tradizione ereditata dalla sua famiglia faceva spola in mare tra Malta, Marsiglia e Trieste. Ciò gli permise di ricevere anche il titolo di vice console americano, così si iscrisse alla loggia di San Giovanni di Scozia con il titolo di Maestro.
Purtroppo, della villa costruita su una parte dell’antica tenuta Gioeni non rimane più nulla. Fu donata al figlio Salvatore e da lui ai figli e poi ai nipoti, la villa nel 1962 venne acquistata e demolita per far spazio ad un imponente edificio multipiano.
Il terreno fu ceduto in lotti e nel 1937 l’avvocato Paolo Zingali Tetto ne acquistò una parte e incaricò l’architetto Paolo Lanzerotti di progettare quella che rimane l’ultima testimonianza del tempo che fu.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×