Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ventenne condannato per aver rapinato macelleria
Sorpreso dal proprietario, lo colpì con un coltello

Giovanni Lisbona dovrà scontare tre anni di reclusione. Il giovane ripostese, il 29 gennaio 2020, fu sorpreso dai proprietari di un negozio di Ucria (Messina) mentre rubava insieme a un complice

Redazione

I carabinieri hanno arrestato Giovanni Lisbona, 20 anni, di Riposto su disposizione della Corte d'appello di Messina. Lisbona insieme a un altro malvivente, il 29 gennaio del 2019, si era introdotto nel magazzino di una macelleria di Ucria, in provincia di Messina, per rubare prodotti di vario genere. I rumori dei ladri avevano svegliato i proprietari del negozio che, dopo aver chiamato i carabinieri, hanno sorpreso i due a rubare.

Dopo essersi scatenata una lite, uno dei rapinatori ha ferito il proprietario alla mano con un coltello che si era procurato sul momento, per poi scappare ed essere fermato poco dopo da una pattuglia. In quell'occasione i due furono arrestati. Lisbona è stato considerato colpevole di rapina in concorso e lesioni aggravate: per queste accuse dovrà scontare tre anni di reclusione e pagare una multa di mille euro. L'arrestato è stato rinchiuso nel carcere di Piazza Armerina, in provincia di Enna.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×