Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il Covid frena l'Ars, critiche per aumento stipendio portavoce
«Mentre i siciliani protestano dal palazzo segnale negativo»

Scoppia la polemica dopo il voto favorevole per alzare il compenso a Michela Giuffrida, scelta a inizio anno dal presidente Nello Musumeci. «Era già ben pagata», spiega a MeridioNews la deputata M5s Jose Marano. Intanto cominciano i tamponi ai deputati

Dario De Luca

Sostituire le parole «da quello» fino ad «assessori regionali» con «al limite di cui al secondo periodo del comma 3 dell'articolo 13» di una legge regionale dell'11 giugno 2014. Bisogna avere una notevole dimestichezza con il burocratese e le gazzette ufficiali della Regione Sicilia per provare a tradurre il testo di un disegno di legge che da qualche ora ha scatenato grosse polemiche all'Assemblea regionale siciliana. Al centro del dibattito è finito l'articolo 147 dal titolo «trattamento economico del portavoce». Ruolo rivestito dalla giornalista ed ex eurodeputata del Partito democratico Michela Giuffrida, nominata all'interno della struttura tecnica dal presidente della Regione Nello Musumeci a inizio anno. La giornalista, un tempo inserita nel movimento Articolo 4 di Lino Leanza, grazie al voto favorevole della maggioranza beneficerà di un aumento di stipendio con un tetto massimo di 160mila euro

La votazione, su 65 presenti, ha registrato il voto di 53 deputati. Il testo alla fine è passato con 27 favorevoli e 26 contrari. Tra i sì, oltre a quelli dei partiti che sostengono la giunta, spiccano Nicola D'Agostino e Pippo Laccotto del gruppo Sicilia Futura - Italia Viva. Sul piede di guerra il Movimento 5 stelle, come spiega a MeridioNews la deputata Jose Marano: «Dal palazzo arriva un segnale negativo, in una finanziaria in cui abbiamo cercato di racimolare qualche soldo per garantire più ristori possibili - commenta Marano - In questi giorni abbiamo assistito a manifestazioni quotidiane con gente incatenata davanti il palazzo del presidente. In aula poi ti accorgi che ci sono due mondi che camminano in direzioni diverse: da un parte la disperazione e dall'altra si sceglie di aumentare lo stipendio di una persona già lautamente pagata».

La 56enne Giuffrida, prima di entrare in politica, era stata uno dei volti più noti delle emittenti televisive di Mario Ciancio Sanfilippo, ricoprendo il ruolo di direttrice di Antenna Sicilia e Telecolor anche nel delicato momento dei licenziamenti a metà anni Duemila, con diversi giornalisti e tecnici messi alla porta. In mezzo il ruolo di corrispondente da Catania del quotidiano Repubblica e successivamente l'impegno in politica come delfina di Lino Leanza, ex braccio destro di Raffaele Lombardo. Durante la seduta d'aula di oggi spazio anche al voto sulla riforma della commissione per le valutazioni ambientali. Il colpo di scena però è arrivato alla fine con il rinvio a martedì prossimo disposto dal presidente Gianfranco Miccichè. Colpa del Covid-19 che a quanto pare avrebbe colpito l'autista del ragioniere generale della Regione Ignazio Tozzo. «Io ho 67 anni e sono a rischio - ha detto il leader di Forza Italia - Chiedo a tutti di avere prudenza e a tutti voi deputati anche di prestare attenzione nell'incontrare altre persone». 

Miccichè nelle scorse settimane era stato criticato, proprio alla vigilia della discussione della legge finanziaria, dopo la proposta di fare vaccinare i deputati. «Dobbiamo aspettare martedì per avere l'esito del tampone del ragioniere - conclude - Vi chiedo se possibile - dice rivolgendosi ai deputati - di fare un tampone. Da domani partirà una enorme sanificazione del palazzo, ci vuole qualcosa fatta bene costi che quel costi»

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×