Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sospese le borse lavoro per le donne vittime di violenza
«Sono lo strumento migliore per conquistare autonomia»

Finito il progetto delle Pari opportunità della presidenza del Consiglio, non è partito nessun nuovo bando. La cooperativa Etnos di Caltanissetta ha deciso di portare avanti i tirocini. «Non possono prevalere impedimenti della burocrazia», dice il presidente

Marta Silvestre

Foto di: roma on the road

Foto di: roma on the road

«Il lavoro è il miglior strumento di cura e riabilitazione per le donne che sono state vittime di violenza perché permette loro di conquistare autonomia e, quindi, di non essere costrette a tornare negli ambienti da cui sono riuscite a fuggire già una volta». Ne è convinto il presidente della cooperativa sociale Etnos di Caltanissetta Fabio Ruvolo che, da oltre dieci anni, si occupa di accogliere le donne vittime di violenza in tre case rifugio tra l'Ennese e il Nisseno e porta avanti progetti per l'inserimento lavorativo. «Solo nell'ultimo anno e mezzo, a usufruire delle borse lavoro sono state 40 donne», spiega Ruvolo a MeridioNews. Lo strumento è stato il progetto Rosa dei venti finanziato dal dipartimento delle Pari opportunità della presidenza del Consiglio dei ministri che adesso, però, si è concluso senza che sia stata prevista una nuova attivazione

Per questo Etnos ha lanciato un appello (anche attraverso una petizione su Change.org che ha già raggiunto quasi mille firme in due giorni) «non tanto per il progetto in sé quanto perché in generale siano senza scadenza e abbiano continuità», dice il presidente che, al momento, si è impegnato per portare avanti con le risorse della cooperativa - e l'idea di lanciare una raccolta fondi - gli undici tirocini già avviati e non ancora completati e per fare partire anche quelli della donne che hanno denunciato e sono state accolte nelle strutture protette più di recente. «Non potevamo permettere questa interruzione - afferma Ruvolo - perché abbiamo l’esperienza concreta per dimostrare l’importanza del lavoro come mezzo di riscatto, di indipendenza e di contrasto concreto alle violenze». 

In una casa di riposo, in una macelleria, in diversi ristoranti e pizzerie, in un centro di estetica o in vari negozi di abbigliamento. «Per ciascuna delle donne accolte - spiega il presidente - i tirocini vengono strutturati in base a una valutazione su attitudini, capacità e desideri». Ed è alta la percentuale di quelli che poi si trasformano in un rapporto lavorativo duraturo. «È senza dubbio il modo migliore per le donne di riappropriarsi della propria vita - sottolinea Ruvolo - Per questo, è importante che le istituzioni proteggano questo strumento senza fare prevalere gli impedimenti della burocrazia». In effetti, la cooperativa avrebbe potuto ottenere una proroga del progetto provvedendo a presentare una richiesta entro un massimo di sei mesi. «Tra smart working e aziende chiuse per il lockdown, non avevamo contezza dei tempi precisi - dichiara il presidente - e, quando abbiamo presentato la richiesta, ci è stato risposto che non poteva essere accolta perché oltre il termine previsto».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×