Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lo sport dal sud, campioni del mondo di sogni

Le aspirazioni mettono semi che diventano ponti e poi rampe di lancio. E quanto più prendono forma come rincorsa, tanto più arrivano lontano. La Sicilia ha saputo, e sa offrire, al ciclismo mondiale una schiera di professionisti

Paolo Alberati

La strada, negli anni, l’hanno tracciata Giovannino Corrieri da Messina nel dopo Guerra, per poi passare il testimone in tempi molto più vicini a noi a Rosario Fina e Angelo Canzonieri, a Paolo Tiralongo e Giovanni Visconti, seguiti poi da Vincenzo e Antonio Nibali e ancora oggi da Damiano Caruso. La Sicilia ha saputo e sa offrire al ciclismo mondiale una schiera ben nutrita di campioni di sogni, tant’è che la vena non sembra esaurirsi mai.

È di questi giorni la prima vittoria da ciclista professionista del palermitano, originario di Ficarazzi, Filippo Fiorelli, trionfatore del trofeo Porec in Croazia; mentre nello stesso giorno il giovanissimo etneo, originario di Maletto, Vincenzo Saitta vinceva nella mountainbike la prova riservata agli under 23 alla Orvieto Wine Marathon, dominata negli open dal belga Wout Alleman sul campione del mondo di specialità il colombiano Leonardo Paez, compagno di squadra di Saitta. Magica l’alchimia tra sogni e aspettative, la scintilla che c'è dentro un ragazzino che nasce al sud e vede gli avversari, quelli sopra citati, come dei miti da sfatare, dei moloch da scalare, castelli da conquistare rosicchiando posizioni giorno dopo giorno.

Un mix fantastico tra talento e voglia di arrivare, dove la sfortuna di vivere lontano dalle competizioni che contano non esiste, dove la giustificazione che «quelli hanno maggiori possibilità» non regge, dove la voglia di sfondare travolge tutto e moltiplica le forze: «Quelli del Nord hanno un solo aspetto a loro favore, giocano sempre in casa ma a vincere in trasferta si prova più gusto», spiegava appena alcuni giorni fa in un'intervista il giovanissimo ciclista catanese Andrea Bruno, nel 2021 in forza al team Giorgi di Bergamo.

Raccontava un giorno Giovanni Visconti che ancora minorenne prendeva il traghetto il venerdì sera con lo zio per viaggiare di notte e risparmiare sul prezzo della cuccetta dormendo appollaiato sulla plancia della nave, cullato dalle onde del mare mosso e dal rumore ritmico come una cantilena del motore del natante. E quando si risvegliava al mattino seguente nel porto di Livorno o Genova era non solo rigenerato, ma soprattutto caricato a molla per le gare del weekend: «Mi sentivo come in dovere di ripagare con un successo tanti sacrifici miei e dei miei familiari: se non avessi vinto mi sarei quasi sentito in colpa. E quindi partivo in gara con gli occhi della tigre».

Ecco presto detto il risultato di quel mix fatto di umiltà, voglia di riscatto, di emergere, di diventare qualcuno, di riprendere quella nave la domenica notte per poi presentarsi fresco il lunedì mattina al porto di Palermo, libri sotto braccio, pronto per entrare a scuola. Sport e scuola, la determinazione di essere primi, la sfrontatezza della giovane età e l’incoscienza di superare limiti che non conosci perché ancora nessuno ti ha detto «è impossibile». Sportivi e artisti, Nibali e Fiorello; politici e astronauti, Mattarella e Palmisano; magistrati e attrici, Falcone e Maria Grazia Cucinotta. Siete ancora così convinti che sia proprio una sfortuna nascere al Sud?

Paolo Alberati, perugino di nascita e siciliano per scelta di cuore, è un ex ciclista professionista, oggi procuratore di atleti professionisti e dilettanti. La sua ultima scoperta? Il vincitore del Tour de France 2019 Egan Bernal. Quando non è in bici, scrive.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×