Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

C'è bisogno di assaporare le emozioni senza streaming
L'appello di Carmelo Caccamo: «Fate ripartire il teatro»

L'attore etneo racconta il suo rapporto col palcoscenico: un amore coltivato sin da piccolo. Oggi, dopo il blocco dovuto alla pandemia da Covid-19 e il disinteresse della politica, fa il punto sull'emergenza del settore: «Vogliamo tornare tra il pubblico», dice

Carmelo Lombardo

«Il teatro è vita e la vita è il teatro». Una metafora spesso utilizzata per parlare di sipario e palcoscenico: è stata pronunciata da attori, drammaturghi e persino dagli scrittori. Carmelo Caccamo, per un momento, se ne appropria per fare capire l'importanza dell'arte teatrale: una passione che coltiva sin da bambino. L'attore catanese, che dal 1993 calca le scene con diverse compagnie, a un anno dalla pandemia da Covid-19 fa il punto sul momento che attraversa il settore.

Con ironia e le battute sempre inframmezzate da un sorriso, Caccamo racconta a MeridioNews il suo rapporto col teatro. «Da piccolo mi esibivo nel salotto di casa, fino a quando ho debuttato nelle prime compagnie - spiega - Sono arrivato a sviluppare una vera e propria realtà attoriale che mi fa vivere. O meglio: mi faceva vivere, visto il momento che stiamo attraversando». Dalle prime performance teatrali alle comparse cinematografiche. Fino a ritrovarsi in una dimensione che diventa un mestiere vero e proprio. Adesso esprime il momento di disagio della categoria. E lo fa sempre partendo da un termine: l'emozione. «Essere attori al momento del Covid significa stare seduto senza potersi esprimere - aggiunge - Non vogliamo ristori: chiediamo di poter tornare a lavorare in sicurezza. Noi abbiamo bisogno del pubblico, di donare un momento di spensieratezza in un periodo difficile. Ma soprattutto abbiamo bisogno di tornare a trasmettere emozioni».

Famoso per l'interpretazione della signora Santina - uno dei suoi personaggi che ha fatto conoscere anche attraverso il piccolo schermo - Caccamo pensa anche ai problemi che hanno dovuto affrontare le piccole compagnie. «Al governo sono state rappresentate e difese le ragioni di diverse realtà. Tutto ammirevole e di questo sono contento - sottolinea - Ma nessuno ha smosso gli animi per la cultura e, quindi, per il teatro. Con accessi contingentati, all'aperto o attraverso i dispositivi, credo che possiamo riavere la gioia di stare col pubblico».

La scorsa estate anche l'attrice Carmela Buffa Calleo aveva lanciato un appello al presidente Nello Musumeci. E con ironia, sui social, aveva mostrato la sua contrarietà verso la scelta del governo regionale di devolvere 600mila euro alla campagna promozionale di Dolce & Gabbana, mentre il settore lamentava la mancanza di fondi. Intanto il ministro alla Cultura Dario Franceschini annuncia la riapertura di cinema e teatri per il 27 marzo. Data che però, senza nessun aiuto economico da parte del governo, agli addetti ai lavori sembra ancora troppo lontana per continuare a resistere alla crisi. «Mi mancano il palcoscenico, il rumore del camerino e persino l'odore del teatro - conclude Caccamo - I sentimenti che dona il teatro, così come il cinema, non possono essere trasmessi in streaming: per quello c'è Netflix, ma non basta. Vivere le emozioni è tutt'altra cosa: dobbiamo assaporarle».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×