Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Finanziaria, il M5s all'attacco di Musumeci e Armao
«Manca il rendiconto, stanno facendo una forzatura»

Conferenza stampa questa mattina da parte dei deputati Giovanni Di Cario, Luigi Sunseri e Nuccio Di Paola. Nel mirino c'è il disegno di legge che secondo i piani dell'esecutivo regionale dovrebbe 

Redazione

Foto di: mike palazzotto

Foto di: mike palazzotto

«Stanno facendo una cosa che non si può fare». Questa l'accusa lanciata dal gruppo parlamentare dle M5s all'Ars nei confronti del governo Musumeci. Nel mirino c'è la finanziaria che, stando ai piani della giunta, dovrebbe ottenere il via libera da sala d'Ercole entro fine mese, evitando così di prolungare la gestione in regime di esercizio provvisorio. Per i deputati d'opposizione, all'origine del disegno di legge c'è una forzatura: la mancanza del rendiconto del 2019. Il documento, che era stato approvato dalla giunta Musumeci in estate, si è scontrato contro i rilievi della procura della Corte dei conti ed è stato ritirato in aututela dal presidente della Regione.

«Denunciamo questa situazione da due mesi, abbiamo segnalato le difficoltà che si stavano riscontrando nella valutazione dei documenti contabili della Regione - dichiara Luigi Sunseri -. Ieri con una nota partiti dagli uffici dell'Assemblea abbiamo avuto conferma di ciò che abbiamo più volte detto in Aula. La Corte dei conti dice che c'è un errore alla voce residui attivi di trecento milioni, andavano tolti dal bilancio».

La richiesta rivolta al presidente dell'Ars Gianfranco Miccichè è di fermare l'iter e tornare a riscrivere il ddl, che già in parte è stato stralciato dagli uffici di palazzo dei Normanni. Le accuse riguardano anche la sostanza. «Questa finanziaria così non s'ha da fare, non è inquadrata in una cornice di emergenza sanitaria - denuncia il capogruppo Giovanni Di Caro -. Non si rivolge ai commercianti, agli imprenditori, ai cittadini duramente colpiti dall'epidemia». Secondo i cinquestelle, i problemi tra i conti della Regione riguarderebbero anche il calcolo del disavanzo accumulato nel corso dell'ultimo esercizio: «Armao stima l'importo in circa cento milioni di euro, ma ci sembra una cifra al ribasso. Sono chiare responsabilità di questo governo», rilancia Sunseri. 

C'è spazio anche per una frecciata nei confronti del governatore. «Sappiamo che Musumeci ha a cuore la tenuta Ambelia, eppure in questa legge finanziaria non ci sono cavalli di battaglia per rilanciare la Sicilia - è la critica che parte dal deputato Nuccio Di Paola -. Non abbiamo passato momenti così critici nella storia e il governo rischia di essere ricordato per le aiuole davanti al palazzo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×