Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Nebrodi, arrestato imprenditore vicino alle cosche
Assunzioni fittizie e appropriazioni di fondi pubblici

I finanzieri hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di un 58enne. Utili le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia, che hanno dichiarato la ricerca da parte dell'uomo di finti braccianti da adoperare nelle proprie aziende

Redazione

I finanzieri del comando provinciale di Messina hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dell’imprenditore agricolo D.L. L'uomo, 58 anni, è ritenuto contiguo a esponenti  della criminalità organizzata attiva sui Nebrodi. Per lui l'accusa, in concorso con altri, è di indebita percezione di finanziamenti pubblici e prestazioni assistenziali e previdenziali legati al falso bracciantato agricolo e di innumerevoli ipotesi di falso. Il provvedimento eseguito dagli agenti rientra nell'operazione Ladybug, dall'omonimo nome della principale società coinvolta. Le indagini sono state condotte dalle Fiamme Gialle di Patti e, nel dicembre scorso, avevano già portato al sequestro preventivo di beni per un valore di circa 1,5 milioni di euro. Un’articolata attività d’indagine che indicava come diverse centinaia di lavoratori avessero indebitamente conseguito indennità assistenziali e previdenziali per oltre 550mila euro.

Dalle indagini era emersa anche un'operazione illecita per circa mezzo milione di euro, concessi dall’ Agea (Agenzia per le erogazioni all'agricoltura) per migliorare le strutture aziendali agricole sui Nebrodi. Per questa frode risultarono implicate ben 15 società che, sistematicamente, erano dedite a gonfiare le fatture per dimostrare ai due enti pagatori - l’Ispettorato dell’agricoltura di Messina e l’Agea - spese riferibili alla realizzazione di lavori agricoli, in realtà mai sostenute.

A far scattare la misura cautelare nei confronti del 58enne sono state le dichiarazioni rese recentemente da due collaboratori di giustizia, entrambi arrestati nella maxi-operazione Nebrodi che, a gennaio 2020, ha portato la Dda di Messina a disporre l’esecuzione di 94 ordinanze di custodia cautelare per associazione a delinquere di stampo mafioso, con il contestuale sequestro di oltre 150 aziende. In quell'inchiesta è emerso l'interesse dei clan dei Tortoriciani e dei Batanesi nella gestione dei fondi Agea.

Uno dei collaboratori di giustizia ha dichiarato che il 58enne imprenditore sarebbe vicino alla mafia, alla quale si sarebbe rivolto anche per recuperare manovalanza da impiegare fittiziamente come braccianti agricoli. L'uomo è stato relegato ai domiciliari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×