Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Comunali, nei centri sciolti per mafia si voterà a maggio
Restano confermate le date di marzo a Tremestieri Etneo

La giunta reigonale ha ieri ufficializzato lo slittamento, che era già nell'aria, per le Amministrative a San Biagio Platani e Vittoria, due centri in cui i precedenti Consigli sono stati sciolti per inflitrazioni della criminalità. Nessun cambiamento per il centro del Catanese

Redazione

Nessun allineamento tra Tremestieri Etneo e i Comuni sciolti per mafia in materia di elezioni amministrative. La polemica dei giorni scorsi non è servita a far cambiare idea alla giunta Musumeci. Ieri sera il governo regionale ha stabilito che a Vittoria (Ragusa) e San Biagio Platani (Agrigento) si tornerà alle urne il 2 maggio, con l'eventuale ballottaggio in programma il 16. 

Nel centro in provincia di Catania, dove le elezioni nel 2020 sono state una volta rinviate per presunti illegittimità nella raccolta delle firme e poi per via del Covid, i seggi elettorali apriranno domenica 14 e lunedì 15 marzo. A disporlo è stata una legge approvata dall'Ars a fine dell'anno scorso. La norma ha inoltre specificato che le operazioni elettorali già effettuate, ovvero le liste presentate, restano congelate senza possibilità di ulteriori candidature.

Una decisione che ha suscitato molte polemiche, portando la vicepresidente dell'Ars e deputata di Attiva Sicilia, Angela Foti, a scrivere al governo nazionale sottolineando come la legge regionale abbia contratto la libertà di partecipare attivamente alla vita democratica del paese.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×