Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, definitiva la confisca del patrimonio di Farinella
Nei suoi terreni andavano a caccia Brusca e Provenzano

Ammonta a 12 milioni il valore del provvedimento eseguito dalla Dia di Caltanissetta nei confronti di Paolo Farinella. Nel 2009 finì nell'indagine Flour. Il cugino Cataldo era era legato ad Angelo Siino, il ministro dei lavori pubblici di Cosa nostra

Redazione

Quasi 190 immobili tra Gangi, il paese d'origine nel Palermitano, e Caltanissetta sono stati confiscati definitivamente a Paolo Farinella, 76enne imprenditore ritenuto interlocutore privilegiato di Cosa nostra in mezza Sicila. Farinella, nel 2009, era finito nell'indagine Flour. Sucessivamente gli uomini della Dia di Caltanissetta hanno approfondito una serie di segnalazioni di operazioni bancarie sospette, riuscendo a dimostrare la sproporzione tra i beni a lui riconducibili e i redditi dichiarati.

Il 76enne è cugino del defunto Cataldo Farinella, anche lui imprenditore pienamente inserito nella criminalità organizzata e in rapporti con Angelo Siino, il cosiddetto ministro dei lavori pubblici di Cosa nostra. Tra i beni confiscati c'è anche un terreno in contrada Mimiani, a Caltanissetta, di trecento ettari con annessa azienda agraria, dove in passato venivano a cacciare boss del calibro di Bernardo Provenzano e Giovanni Brusca durante la loro latitanza. Nel complesso il valore del patrimonio confiscato ammonta a 12 milioni di euro.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×