Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Delitto panettiere, in carcere un giovane del commando
Parenti e amici in caserma protestano contro l'arresto  

La conferma della condanna della corte d'Appello per il 24enne Dylan Foti era arrivata a giugno. Adesso è stato portato nella casa circondariale di Augusta. Insieme a due ragazzi all'epoca minorenni, è accusato di avere ucciso Nuccio Sortino. Guarda il video

Marta Silvestre

Torna in carcere Dylan Foti, il 24enne accusato dell'omicidio del panettiere 49enne Sebastiano Sortino, ucciso a colpi di pistola la notte del 9 settembre del 2016. Un agguato organizzato insieme a due ragazzi all'epoca minorenni - che sono già stati condannati a 15 anni e sei mesi e 16 anni e sei mesi - mentre tornava a casa dopo essere stato a lavoro nella sua attività di via Ronco Scilla a Floridia, in provincia di Siracusa. Per Foti, la condanna della corte d'Appello di Catania, che conferma quella in primo grado a 16 anni e otto mesi, era arrivata a giugno. Adesso, i carabinieri hanno avuto l'ordine di portarlo nella casa circondariale di Augusta. Come quattro anni fa, al momento della cattura parenti e amici si sono riuniti fuori dalla caserma per protestare contro i militari.

Secondo la ricostruzione della procura, i tre giovani avrebbero ammazzato Nuccio Sortino per dargli una lezione. «Questi ragazzi andavano al panificio e pretendevano di mangiare gratis pizzette, rustici o cornetti per la colazione», avevano raccontato alcuni vicini a MeridioNews. Quella notte il commerciante, componente anche del direttivo dell'associazione antiracket, li ha richiamati e cacciati per farli smettere.Così, per desiderio di vendetta e di sfida, lo hanno ucciso

Come si vede dalle immagini di un sistema di videosorveglianza, Sortino incontra i ragazzi - amici e residenti nello stesso condominio - tutti e tre a bordo dello stesso scooter all’incrocio successivo a quello del panificio. «Vieni avanti, fatti vedere, affrontaci», lo sfidano con un gesto del braccio. Il 49enne li ignora e va avanti in macchina per la sua strada. Il delitto avviene pochi minuti dopo le 3 all’incrocio fra via Boschetto e via Foscolo. Sei i colpi esplosi - uno dei quali raggiunge mortalmente la vittima entrando dall'ascella e perforandogli il polmone - da una pistola berretta calibro 7.65 che è stata ritrovata poi, in un vasto terreno incolto, su indicazione di uno dei due minorenni.

Un'arma della quale era già in possesso e che portava con sé anche quella sera. A sparare sarebbe stato però l’altro ragazzo minorenne che, durante l'interrogatorio, aveva ammesso che la sua intenzione era spaventare Sortino sparando contro la macchina. I ragazzi che non hanno materialmente commesso il delitto, subito dopo avevano chiesto un passaggio a un conoscente incontrato per caso per andare a Siracusa. Durante il tragitto in macchina, i due avrebbero commentato il delitto forti dell’idea di dichiararsi estranei. Foti ha sempre sostenuto di essersi allontanato prima che fossero esplosi i colpi di pistola

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×