Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sequestrata discarica abusiva con rifiuti speciali 
Tre persone denunciate. Blitz in territorio di Enna

I militari della guardia di finanza della tenenza di Nicosia hanno individuato l'area in località San Giovanni. Tra il materiale individuato c'erano inerti provenienti da demolizioni, plastiche, metalli, vetro e ingombranti smaltiti illecitamente 

Redazione

Nell’ambito del piano di controllo del territorio i militari della tenenza della guardia di finanza di Nicosia, in collaborazione con il personale del nucleo operativo provinciale di Enna del corpo forestale della regione siciliana, hanno concluso un’operazione di servizio a contrasto dei reati ambientali, sottoponendo a sequestro una discarica abusiva di rifiuti speciali in località San Giovanni, nel territorio di Enna.

Attraverso numerosi appostamenti e riprese video-fotografiche gli inquirenti hanno individuato le azioni illecite di tre responsabili, intenti da tempo a riversare nell’area in questione quantitativi sempre maggiori di rifiuti speciali, costituiti in prevalenza da materiali inerti provenienti da demolizioni, plastiche, metalli, vetro e rifiuti ingombranti, che raccoglievano e smaltivano illecitamente e senza alcuna autorizzazione.

L’accortezza usata dagli indagati era solo quella di disfarsi giornalmente di modesti quantitativi di materiale in modo da sostare in loco per pochi istanti e non insospettire gli abitanti della zona. Nel tempo, tuttavia, nell’area si è accumulato un ingente quantitativo di rifiuti di qualunque genere creando di fatto una vera e propria discarica a cielo aperto, pericolosa per l’ambiente non solo per la contaminazione del terreno sottostante, ma anche perché suscettibile di inquinare l’aria in caso di incendio della circostante area boschiva. L’operazione si è conclusa con il sequestro dell’intera area, l’identificazione dei tre responsabili e la loro denuncia a piede libero alla procura di Enna per il reato di raccolta, trasporto, smaltimento e gestione di rifiuti non autorizzata. I tre rischiano l’arresto fino ad un anno o l’ammenda fino a 26mila euro, con l’obbligo di procedere alla bonifica dell’area a proprie spese.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×