Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

I fratelli Nicastri assolti dall'accusa di concorso esterno
Intestazione di beni fatta non nell'interesse di Cosa nostra

Il verdetto è arrivato nell'ambito del processo di secondo grado che si è svolto al tribunale di Palermo. In primo grado era stato condannato a nove anni. Ribaltato il verdetto anche nei confronti del fratello Roberto. In aggiornamento

Simone Olivelli

Vito e Roberto Nicastri sono stati assolti dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, nel processo di secondo grado che si è svolto nella terza sezione della corte d'Appello di Palermo. In primo grado, l'ex re dell'eolico era stato condannato a nove anni. La notizia arriva da uno dei legali di Nicastri, l'avvocato Sebastiano Dara.

I giudici, invece, hanno accolto le richieste dei legali facendo cadere l'accusa di avere favorito Cosa nostra nelle attività imprenditoriali nel settore delle costruzioni e soprattutto delle rinnovabili. Per i due fratelli rimane la condanna - a quattro anni e tre mesi Vito e due anni e otto mesi Roberto - per intestazione fittizia di beni. Reato che, però, sarebbe avvenuto senza l'intento di contribuire agli interessi della mafia, mentre l'accusa ha da sempre visto in Nicastri uno dei principali punti di riferimento nel settore imprenditoriale del boss Matteo Messina Denaro. Nel 2013 a Nicastri è stato confiscato un patrimonio valutato in oltre un miliardo di euro.

A fine 2019 Nicastri ha patteggiato - così come il figlio Manlio - una pena a due e dieci mesi per il coinvolgimento nell'inchiesta sulla corruzione alla Regione, che ha portato all'arresto di diversi funzionari. Per quei fatti, Nicastri era in società con Paolo Arata, l'ex parlamentare di Forza Italia e poi consulente energetico per la Lega, attualmente a processo insieme al figlio Francesco. Un filone di quell'inchiesta, tutt'ora aperto, riguarda anche l'attuale senatore leghista Armando Siri.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×