Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Barcellona, arresti per esplosione alla fabbrica di botti
Disastro causato dall'uso incauto di una smerigliatrice

La deflagrazione avvenne a novembre del 2019 e portò alla morte di cinque persone. Tra queste anche la moglie del titolare Vito Costa, una delle tre persone raggiunte dalla misura cautelare. Gli altri due sono Corrado e Antonino Bagnato, quest'ultimo rimasto ferito

Redazione

Ci sono tre arresti per l'esplosione alla fabbrica di fuochi d'artificio avvenuta a fine novembre di due anni fa a Barcellona Pozzo di Gotto, quando a perdere la vita furono Giovanni Testaverde, Mohamed Mannai Tahar, Fortunato Porcino e Vito Mazzeo, operi di una ditta che stava eseguendo dei lavori, e la moglie del titolare Venera Mazzeo. La misura cautelare è stata emessa proprio nei confronti del vedovo Vito Costa, e di Corrado e Antonino Bagnato, di 65 e 38 anni. Quest'ultimo nell'esplosione Per loro l'accusa è di disastro e omicidio colposo. 

«Le indagini sono state molto complesse, derivanti da uno scenario complicato legato alla tipologia dell'evento. Il Ris di Messina ha fatto un grandissimo lavoro e anche il nucleo ispettorato del lavoro - ha dichiarato Lorenzo Galizia, capitano della Compagnia dei carabinieri di Barcellona Pozzo di Gotto, ai microfoni di Radio Fantastica -. Abbiamo potuto certificare che questi operai che stavano lavorando all'interno dell'edificio deputato a stoccare gli artifici pirotecnici; l'uso di una smerigliatrice ha prodotto delle scintille che hanno innescato l'esplosione. Molti reperti sono stati trovati a centinaia di metri, questo rende l'idea - ha concluso il capitano - della potenza dell'esplosione e dello scenario trovato dai primi soccorritori».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×